17-09-2012

David Byrne: "Sembra di essere alla fine della storia nella musica pop"

di Mattia Villa

David Byrne ha rilasciato un'interessante intervista al Guardian per promuovere il suo ultimo libro in uscita: "How Music Works". L'ex leader dei Talking Heads, sempre attivo e poliedrico, ha recentemente collaborato con St. Vincent alla realizzazione del concept "Love This Giant". Byrne nell'intervista tocca diversi argomenti interessanti:

Il contesto: "Il contesto è molto più importante e onnipresente di quanto mi ero reso conto. Forze che si potrebbero pensare del tutto non correllate alla creatività, possono avere un grande impatto. Tecnologia, ambiente, perfino le strutture finanziare possono influenzare l'effettivo contenuto di una canzone." 



Le scene: "La gente ha ancora bisogno di una scena. Ora però questa potrebbe crescere intorno ad una sola persona che fa musica incredibile in camera sua con un laptop. Ma c'è ancora qualcosa che attira fuori le persone a vedere una band. Dato che la gente si sente isolata nel mondo online, ne hanno ancora più bisogno. Il contatto fisico è una necessità umana."

La musica pop: "Sembra di essere alla fine della storia nella musica pop. Ora si può rimescolare e riconfigurare tutto. Ma è interessante vedere come in mezzo a questa creatività tecnologica ci sia uno sbalzo verso la performance." E ancora prosegue Byrne: "Quando abbiamo formato i Talking Heads, ognuno doveva essere un performer. Ora non è più così. Voglio dire, pensate alla laptop scene. Persone che fanno musica incredibile senza mettere piede su un palco. O fuori dalla camera da letto. E' una grande cosa. Vuol dire che non hanno bisogno nemmeno di un'immagine. Ci dimentichiamo di quanto fosse importante il look per il punk o per il glam. L'aspetto era "attitude" tanto quanto la musica. Il look era parte del contesto."

L'intervista completa la trovate qui.



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.