02-02-2015

La Monarchia - "Parliamo dieci lingue ma non sappiamo dirci addio" [STREAMING]

di Martina Gamberini
La Monarchia -

"Parliamo dieci lingue ma non sappiamo dirci addio" è il disco d’esordio de La Monarchia. Registrato da Matteo Marenduzzo e mixato da Matt Bordin (Mojomatics), il lavoro della band toscana esce a febbraio 2015 per Dischi Soviet Studio/Audioglobe.

Undici brani rock di grande impatto, con testi in italiano che descrivono e riflettono le contraddizioni e le difficoltà nei rapporti umani nel 2015. Suoni distorti e particolarmente carichi si alternano e a tratti si accompagnano a feedback ed echi lontani e riverberanti, intrecciando momenti di furore a pause di raccoglimento individuale.

Centrali, in questo contesto, sono i temi della mancanza, della solitudine, i frequenti spazi lasciati alle riflessioni personali e l'implicito richiamo a un utopistico splendore, possibile forse soltanto nell'intimità di un immaginario privato. Canzoni che rappresentano le varie facce di una stessa medaglia: l'amara considerazione della precarietà e della problematicità della convivenza umana, a cominciare da quella in ambito domestico e familiare, si accompagna a un disincanto nei confronti del mondo che non può prescindere dai caratteri specifici del contesto sociale dei nostri giorni.

Sullo sfondo restano il desiderio e la speranza, forse non del tutto disillusi, di una risoluzione definitiva delle solite preoccupazioni che mettono in discussione l'esistenza del singolo, anche se - allo stato attuale - le sole cose in grado di compensare il disagio sono l'autocommiserazione e talvolta il rifugio in una personale "poetica del fanciullino", che tuttavia non risparmia dure critiche verso tutto ciò che è avvertito come ingiustizia e causa delle proprie sconfitte.