02-12-2009

Un album di cover per Mr.Gabriel

di Marco Sgrignoli
Mentre "I/O", il successore di "Up", continua a farsi attendere, l'ex leader dei Genesis annuncia l'uscita di "Scratch My Back", lavoro interamente acustico che raccoglie cover di importanti artisti pop degli ultimi decenni. Si va dai quasi scontati Paul Simon ("The Boy in the Bubble") e David Bowie ("Heroes") a nomi meno prevedibili ma di calibro altrettanto grosso (Lou Reed, Radiohead, Talking Heads, Randy Newman, Neil Young). Sorprende il tributo a diversi artisti recenti: Arcade Fire, Elbow, Bon Iver. Già qualche mese fa Gabriel aveva duettato con gli Hot Chip in un bizzarro "tributo al tributo" - una cover di "Cape Cod Kwassa Kwassa", brano dei Vampire Weekend il cui testo lo menziona esplicitamente.

Peter Gabriel su OndaRock
Recensioni

PETER GABRIEL

New Blood

(2011 - Real World)
A due anni da "Scratch My Back" il musicista di Bath riarrangia in chiave orchestrale 14 tracce ..

PETER GABRIEL

Scratch My Back

(2010 - Virgin)
Un album di cover, dal mondo dopo il diluvio

PETER GABRIEL

Big Blue Ball

(2008 - Real World Records)
Il frutto di tre anni di session e incontri negli studi Real World

PETER GABRIEL

Up

(2002 - Virgin)
Un disco notturno, che tenta di convogliare un esistenzialismo introverso in forma-canzone

PETER GABRIEL

Passion

(1989 - Real World)
Il manifesto del sincretismo di Gabriel, per il film di Scorsese "L'Ultima Tentazione di Cristo"

PETER GABRIEL

IV (Security)

(1982 - Geffen)
La scimmia smascherata: l'album con cui Gabriel gettò le basi del fenomeno world music

News
Speciali

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.