24-03-2016

Nuovo video per Marissa Nadler, "All the Colors of the Dark" [VIDEO]

di Gabriele Senatore
Nuovo video per Marissa Nadler,

Tratti di grafite su di un foglio che accennano figure umane. È intuibile sia questa la prima immagine che venga in mente quando, accompagnata da un lieve fingerpicking o un etereo synth, il soprano antico di Marissa Nadler comincia ad affiorare da un ritmo candido e gelido. "July" è lontano due anni oramai, e il nuovo album "Strangers" sarà pubblicato il 20 maggio, ma la giovane stella del songwriting decide di regalarci un assaggio del suo stile con "All the Colors of the Dark". Marissa Nadler ha attraversato sicuramente un percorso di maturazione artistica, durante il quale ha accarezzato melodie più pop a volte, più sperimentali altre volte, ma se "All the Colors of the Dark" fosse una degna anticipazione delle tonalità del disco in arrivo, sarebbe un chiaro assestamnento intorno ad una folk più gotica, decadente e invernale.
Il video del singolo è una monocromatica sequenza in stop-motion, diretta e animata dalla stessa Nadler, che proietta lo spettatore in un'ambiente domestico d'altri tempi, dove la vita è rinsecchita come i rami tentacolari delle piante aride che crescono e scompaiono in vari momenti del video. I volti umani che si vedono comporsi e scomporsi davanti alla camera non sono altro che ammassi di argilla, terra e foglie secche: unici segni di vita che accompagnano le fugaci comparse di Marissa. C'è molto del Buñuel surrealista, ma anche molto Edgar Allan Poe da sempre punto di riferimento delle liriche della cantautrice.

È notizia recente, inoltre, che Marissa Nadler porterà sui palchi statunitensi ed europei la sua musica (purtroppo senza passare per l'Italia); in particolare accompagnerà in otto concerti il gruppo blues rock psichedelico Black Mountain, con cui condivide il produttore Randall Dunn (Sunn o))), Wolves In The Throne Room). Qui potrete trovare nel dettaglio le date della tournée. Non resta che attendere "Strangers", per giudicare il ritorno della musa dell'inverno.



Marissa Nadler & Stephen Brodsky su OndaRock
Recensioni

MARISSA NADLER & STEPHEN BRODSKY

Droneflower

(2019 - Sacred Bones)
Un passo nell'oscurità per la regina dell'inverno

MARISSA NADLER

For My Crimes

(2018 - Bella Union)
Un ritorno al folk spettrale degli esordi per l'album tutto al femminile della cantautrice americana

MARISSA NADLER

Strangers

(2016 - Sacred Bones/ Bella Union)
Ancora supportata dal "doomer" Randall Dunn, torna la musa folk più misteriosa d'America

MARISSA NADLER

July

(2014 - Sacred Bones/ Bella Union)
L'estate resta solo nel titolo: la cantautrice di Washington torna con una nuova, preziosa raccolta di ..

MARISSA NADLER

The Sister

(2012 - Box Of Cedar)
Un ritorno alle origini, per la cantautrice americana, che non cambia le carte in tavola

MARISSA NADLER

Marissa Nadler

(2011 - Box Of Cedar)
Lo spiazzante quinto disco della cantautrice di Washington

MARISSA NADLER

Little Hells

(2009 - Kemado)
Il ritorno della damigella del dream-folk riserva più di una sorpresa

MARISSA NADLER

Songs 3: Bird On The Water

(2007 - Peacefrog)

La cantautrice più talentuosa della sua generazione alla sua opera terza

MARISSA NADLER

The Saga Of Mayflower May

(2005 - Eclipse)
Il disco che ha rivelato lo straordinario talento della cantautrice americana

News
Live Report
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.