02-03-2021

A soli 59 anni ci lascia Claudio Coccoluto

di Claudio Lancia
A soli 59 anni ci lascia Claudio Coccoluto Si è spento questa mattina, a 59 anni, Claudio Coccoluto, uno dei dj italiani più famosi e influenti di sempre, molto conosciuto anche ben oltre i nostri confini nazionali. Un percorso virtuoso: dagli esordi nelle discoteche della Provincia di Latina (era nato a Gaeta), fra le quali l'indimenticato Seven Up, alle residence romane (Histeria in primis), per poi procedere senza soste verso i club più importanti d'Europa, compresa l'Amnesia di Ibiza, dove fu il principale animatore della fortunatissima serata "Made In Italy".

Claudio Coccoluto è stato protagonista anche di trasmissioni radiofoniche molto seguite e produttore di materiale proprio. Sempre attivissimo sui social network, negli ultimi mesi - nonostante la malattia - aveva continuato senza soste a sensibilizzare l'opinione pubblica sulle difficoltà che sta attraversando il settore dell'intrattenimento, e in particolare del clubbing, a causa della crisi sanitaria ed economica tuttora in corso.

Se ne va un maestro che lascia prematuramente un vuoto immenso, e che aveva ancora molte cose da dire, non soltanto da dietro una consolle. Un lutto che sconvolge non solo il mondo della nightlife, perchè per tutti Claudio Coccoluto era il dj per antonomasia. Sempre lucido nelle sue analisi, e attento a percepire le nuove tendenze, sarà ricordato anche per uno dei suoi massimi capolavori, che ha contribuito a consolidarne la fama: la gestione del Goa, il club romano che - rarissimo caso in Italia - per tre decenni è stato considerato un'eccellenza a livello mondiale.

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.