19-10-2021

Al via la 17esima edizione del Premio Bianca d'Aponte

di Redazione Ondarock
Al via la 17esima edizione del Premio Bianca d'Aponte Torna il Premio Bianca d’Aponte, il concorso riservato a cantautrici, che anche quest'anno vede un nutrito parterre di ospiti ad alternarsi con le concorrenti. Il festival, giunto alla sua 17esima edizione, è in programma venerdì 22 e sabato 23 ottobre al Teatro Cimarosa di Aversa e vedrà in veste di madrina Chiara Civello. Le finaliste saranno: Anna e l’appartamento di Verona, Roberta De Gaetano di Messina, Miriana Faieta di Chieti, Giove di Torino, Isotta di Siena, Olivia XX di Civita Castellana (Viterbo), Alessandra Pirrone di Catania, Valentina Polinori di Roma, Claudia Salvini di Montevarchi (Arezzo), Vitto di Vinci (Firenze). Il premio alla carriera della città di Aversa sarà invece assegnato a Peppino di Capri. La due giorni, che vede la direzione artistica di Ferruccio Spinetti, vedrà salire sul palco MannarinoCristina DonàGiovanni Truppi, il trio ‘Cantautrici’ (Rossana Casale, Grazia Di Michele e Mariella Nava), Tricarico & Jennà Romano, Carlo Marrale, Tony Canto. A loro si aggiungono il giovane Marco Martinelli, il duo Still Life, a cui andrà il Premio Bianca d’Aponte International, e Monica Sannino, vincitrice dell’ultima edizione del concorso. La conduzione delle serate è affidata a Carlotta Scarlatto e Ottavio Nieddu. Molti i riconoscimenti in palio assegnati dalla giuria, di cui fa parte anche Ondarock con il coordinatore redazionale Giuliano Delli Paoli. Alla vincitrice assoluta andrà il Premio Bianca d’Aponte, con borsa di studio di 1.000 euro, la partecipazione come ospite alla prossima edizione del Premio, tre concerti di presentazione prodotti da Doc Live e la possibilità di partecipare al Premio dei Premi del Mei di Faenza. Per chi si aggiudicherà il Premio della Critica “Fausto Mesolella” (storico direttore artistico della manifestazione) è prevista una borsa di studio di 800 euro. Verranno inoltre assegnate menzioni per miglior testo, migliore musica e migliore interpretazione. A questi si aggiungono vari premi assegnati direttamente da realtà esterne all’organizzazione o da singoli giurati ad alcune finaliste. Novità di quest’anno sarà una borsa di studio al Cet di Mogol da parte della ‘Fondazione Jacqueline e Totò Savio’. Ad assegnarla sarà la stessa Jacqueline, protagonista di diverse iniziative a sostegno dei giovani artisti. Inoltre sono previsti anche una proposta per un anno di assistenza legale e manageriale per l'artista vincitrice o altra finalista da parte di Siedas, un premio di Soundinside Basement Records, consistente nella realizzazione di un video live in studio; il “Premio ’Na stella” (titolo di una canzone di Mesolella) del Virus Studio, con l’incisione di un brano con la produzione artistica di Ferruccio Spinetti e quello dell’etichetta Suoni dall’Italia di Mariella Nava, con la proposta di una possibile collaborazione artistica.

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.