Addio a Terry Hall degli Specials, leggenda ska inglese

di Redazione di OndaRock
20-12-2022

È morto all'età di 63 anni Terry Hall, il frontman degli Specials, una tra le più rappresentative band ska inglesi, fondata nel 1977. Sono stati gli stessi Specials a darne notizia sui social "con grande tristezza", ricordando "un fratello e amico" e "il miglior cantante e songwriter" che il loro paese abbia mai avuto.

 

"Too Much Too Young", "Gangsters" e "Ghost Town", composte a cavallo tra gli anni 70 e 80, furono tra le canzoni più note della saga degli Specials, che Hall lasciò nel 1981, per formare i Fun Boy Three con i compagni di band Neville Staple e Lynval Golding, abbandonando lo ska per un suono pop più sperimentale ed essenziale e conquistando un'altra serie di successi.
Hall collaborò poi con altri gruppi dell'ondata new wave e, successivamente, con formazioni britpop, movimenti di cui fu in parte ispiratore. Fondò i Fun Boy Three e suonò, tra gli altri, con Bananarama, Lightning Seeds, e lavorò anche con Sinéad ÒConnor, Gorillaz e Damon Albarn, leader dei Blur.

Hall era nato nel 1959 a Coventry, dove la maggior parte della sua famiglia lavorava nell'allora fiorente industria automobilistica della città. La sua vita ha preso una svolta oscura quando, all'età di 12 anni, è stato rapito e violentato da un insegnante. Hall ha raccontato che l'incidente lo ha lasciato con una depressione permanente facendogli abbandonare gli studi all'età di 14 anni e rendendolo dipendente dal Valium che gli era stato prescritto. La musica fu così una forma di conforto per Hall, che si unì a una band punk locale chiamata Squad. Notato da Jerry Dammers di The Specials, è stato reclutato come frontman della band, salita rapidamente alla ribalta con il primo album omonimo "The Specials".
Gruppo multirazziale che ha documentato gli anni della Thatcher, gli Specials suonavano canzoni che si ispiravano allo ska giamaicano, non senza uno sguardo al punk e al rock. Hanno cavalcato un'onda di straordinaria popolarità tra il 1979 e il 1981 con ben sette singoli consecutivi nella top ten britannica.