Can: ascolta "Vier", estratto dall'imminente album "Live In Aston 1977" in uscita a maggio

17-04-2024
Frammenti perduti riaffiorano dal pianeta Can. La leggendaria formazione kraut-rock ha appena pubblicato un brano dal vivo, "Vier", estratto dal "Live In Aston 1977", disponibile dal prossimo 31 maggio in doppio vinile, in doppio cd e in digitale. Finora la band tedesca ha pubblicato, su Mute Records, "Can Live In Brighton 1975", "Can Live In Stuttgart 1975", "Can Live In Cuxhaven 1976" e "Live In Paris 1973".
Qui sotto lo streaming di "Vier".



"Live In Aston 1977" fotografa il gruppo teutonico in un periodo particolare della sua storia, con il bassista Holger Czukay sostituito da Rosko Gee dei Traffic. Nella line-up dell'epoca figuravano anche il percussionista dei Traffic, Rebop Kwaku Baah, insieme allo stesso Czukay e ai suoi storici sodali Irmin Schmidt, Jaki Liebezeit e Michael Karoli. I dischi che la band di "Tago Mago" pubblicò insieme a Gee e Kwaku Baah furono "Saw Delight" (1977), "Out Of Reach" (1978) e l'omonimo "Can" (1979). Poi arrivò lo scioglimento.

can_live_in_aston_1977_artwork696x522_600

La storica saga dei Can è tornata d'attualità lo scorso febbraio, quando si è diffusa la notizia della scomparsa, a 74 anni, di Damo Suzuki. Musicista giapponese, fu il cantante della band fino al 1973, prendendo parte a numerosi album cruciali, compreso il seminale "Tago Mago". Suzuki giunse in Europa negli anni 60 e nel decennio successivo si unì ai Can, una delle band fondamentali dei kraut-rock. Entrato nel gruppo in modo casuale (era un busker scoperto dalla band in strada a Monaco), aveva esordito in concerto poche ore dopo il suo ingaggio. Suzuki divenne subito un punto fermo della formazione che segnò in maniera indelebile il rock europeo, mescolando psichedelia, elettronica e avanguardia, attraverso dischi come "Tago Mago", "Ege Bamyasi" e "Future Days".
Dopo aver lasciato la band tedesca, Suzuki proseguì la sua carriera per decenni con il suo Network e infinite altre collaborazioni, influenzando tutto il movimento post-punk mondiale e non solo. Il disco più recente del musicista giapponese di stanza a Colonia è "Arkaoda", uscito nel 2022.