Ciao 2001 torna in edicola, per 25 anni è stata una delle riviste musicali più amate

03-03-2024
Torna in edicola "Ciao 2001", rivista cult per gli appassionati di musica, che apparve per la prima volta nel 1969 e fu pubblicata, con cadenza settimanale, fino al 1994. Il successo del numero speciale pubblicato nei mesi scorsi, ha indotto l'editore Sprea a tentare questa nuova avventura, sia pure ridimensionata rispetto al passato, visto che la periodicità, almeno per il momento, sarà solo bimestrale. La nuova edizione di "Ciao 2001, dopo la "prima" svoltasi a Roma, nel Palazzo delle Esposizioni, davanti ad oltre trecento persone, è stata presentata nel "Museo del rock" di Catanzaro. Il produttore discografico Renato Marengo e il musicologo Maurizio Becker, firme storiche di "Ciao 2001" e tra gli artefici della nuova edizione della rivista, hanno risposto alle domande del fondatore del "Museo del rock", Piergiorgio Caruso, e del pubblico. La "Sprea", tra l'altro, edita anche il mensile "Classic Rock", diretto dallo stesso Becker.

La rivista ha raccontato anni irrepetibili per il mercato musicale: dal successo irrefrenabile di Beatles, Rolling Stones, Pink Floyd e Led Zeppelin all’ascesa di artisti rivoluzionari come David Bowie, Genesis, Frank Zappa e John Cage, come anche dei musicisti italiani: New Trolls, Banco del Mutuo Soccorso, Premiata Forneria Marconi, e poi i raduni e i concerti tutti da ballare al Piper e al Bandiera Gialla, e infine di quei giovani autori che avrebbero lasciato un segno indelebile, da Lucio Dalla ad Antonello Venditti passando per Renato Zero, Francesco Guccini, Mia Martini, Franco Battiato etc.

Celebri alcuni "scoop" realizzati da "Ciao 2001". Uno fu l'intervista realizzata nel 1974 da Renato Marengo con Lucio Battisti in contemporanea con l'uscita di "Anima latina", un album che, per il suo carattere rivoluzionario sotto l'aspetto musicale e dei testi, rappresentò un caso unico nella produzione della più celebre coppia del cantautorato italiano, Battisti-Mogol. E che fu anche il disco più venduto nella loro storia. Marengo la realizzò direttamente nello studio in cui fu prodotto l'album, in Brianza. Le cinquecentomila copie vendute dall'edizione di "Ciao 2001" in cui fu pubblicata l'intervista a Battisti furono il numero più alto nella storia del giornale.
Tra le firme storiche della rivista, vi furono Dario Salvatori, Maurizio Baiata, Michael Pergolani, Luigi Cozzi, Riccardo Bertoncelli, Mario Luzzatto Fegiz, Carlo Massarini e altri.

Ciao 2001 su OndaRock

Vai alla scheda artista