Dave Grohl attacca Taylor Swift: "Lei non suona dal vivo". E la popstar risponde a tono dal palco di Wembley

24-06-2024
Dave Grohl, all'attacco dell'icona della musica mainstream del momento, Taylor Swift. Dal palco del London Stadium, durante l'esibizione di sabato scorso dei Foo Fighters, il frontman ha lanciato una frecciata velenosa contro la popstar, impegnata in contemporanea nel secondo dei tre concerti sold-out allo stadio di Wembley (altri cinque saranno lì ospitati il prossimo agosto), accusandola di fatto di avere alle spalle una band che non suonerebbe dal vivo. Dave Grohl ha ironizzato sul successo che sta riscuotendo la Swift nell'ambito della sua tournée, The Eras Tour, affermando dal palco, di fronte a migliaia di fan che il loro può essere chiamato "The Errors Tour": "So che stiamo scherzando sul tour di Taylor Swift, ma state attenti: non vorreste mai subire l’ira di Taylor Swift o degli swifties - ha ironizzato l'ex-batterista dei Nirvana - Noi dovremmo intitolare il nostro tour 'The Errors Tour', non 'The Eras Tour', perché ho alle spalle diverse ere e qualche fottuto errore. Giusto un paio, questo perché noi suoniamo davvero", ha continuato Grohl facendo intendere al pubblico che la sua band, suonando dal vivo, può incorrere in errori a differenza della Swift. E ha continuato: "Vi piace la musica rock'n'roll dal vivo? Siete nel posto giusto".

L'affondo contro l'artista di West Reading è stato ampiamente ripreso dai media americani e britannici, ed ha scatenato un'aspra polemica tra i rispettivi fan sui social network. La risposta della cantante americana - nominata nel 2023 Persona dell'Anno dal prestigioso magazine Time - non si è fatta attendere ed è arrivata nell'ultima data dei suoi trionfali show a Wembley (il 21, 22 e 23 giugno), che hanno visto perfino un selfie con il principe William e due dei suoi tre figli, George e Charlotte divenire virale, e la presenza - fra gli altri - di Paul McCartney e Tom Cruise fra il numeroso pubblico di vip. Taylor Swift non ha fatto un riferimento diretto all'attacco di Grohl, ma si è presa un momento durante l'esibizione per ringraziare i componenti della sua band, affermando: "Ogni singolo membro della mia band e del mio team suonerà dal vivo per tre ore e mezzo per voi, e se lo meritano. Lo stesso vale per gli artisti che saliranno sul palco con me".