Gli U2 raccontano ad Apple Music i loro show allo Sphere e fanno il punto sulla loro storia - Ecco l'intervista integrale - Video

di Redazione di OndaRock
06-10-2023

In seguito al concerto inaugurale allo Sphere di Las Vegas dello scorso fine settimana, gli U2 si raccontano da Zane Lowe su Apple Music 1 per prepararsi al secondo fine settimana di concerti. Nel corso della conversazione, Bono, The Edge e il direttore creativo del gruppo, Willie Williams, spiegano l'origine dei luoghi, dei suoni e degli spettacoli che hanno fatto il giro del web. Il gruppo rivela inoltre di avere 100 canzoni "da parte" e di aver anticipato "alcune nuove canzoni incredibili", accennando a un album in arrivo in futuro - aggiungendo che la musica nuova è la ragione di esistere della band.
Ecco il video integrale dell’intervista e i momenti chiave qui sotto (grazie a Zane Lowe e Apple Music 1).

 


 

Bono definisce gli spettacoli allo Sphere degli U2 "un progetto scientifico al servizio dell'arte"...

Bono: Questo show può portarvi in qualsiasi momento e luogo e farvi sentire come se foste lì. È un progetto scientifico al servizio dell'arte.

 

Bono racconta come i fan della band hanno ispirato l'esperimento allo Sphere…

Bono: Alla fine, si tratta di cercare di creare una connessione con il nostro pubblico. È di questo che si tratta. Cercare di rendere il “posto peggiore” nella sala il posto migliore della sala. Che si tratti di saltare in mezzo alla folla, di arrampicarsi sulle torri degli altoparlanti o di fare le prime incursioni nei video, tutto questo è stato solo un tentativo per avvicinarci di più al nostro pubblico.

 

The Edge sui vantaggi e le sfide dell'intimità dello Sphere...

The Edge: Entrare e vedere il nostro palco... Vedere gli strumenti, le luci e l'edificio finito è stato un bel momento, a dire il vero. Perché è stato in quel momento che è diventato davvero reale. Ti trovi effettivamente a... immaginare: "Ci sarà una persona in ognuna di queste poltrone". E la vicinanza è incredibilmente intima. È questo che è così sorprendente. Ci sono 18.000 persone, ma tutti avranno una visione perfetta del palco. Sfortunatamente, con questa incredibile visuale, avremo il nostro bel da fare...

 

Bono parla dei momenti d’apertura degli spettacoli allo Sphere degli U2...

Bono: Quello che volevamo fare era creare... Dovrebbe sembrare una caverna. Vogliamo privarla di tutta l'elettricità. Vogliamo spogliarla di tutta la tecnologia. E vogliamo partire dalla prima espressione che ha avuto l'uomo, ovvero la pittura rupestre. Potreste pensare: "È una grotta molto fantascientifica". Ma è quello che faremo. Riporteremo il tutto a quel primo momento. Ed è così che inizieremo lo spettacolo: io canterò, come facevo all’inizio su Zoo TV. Canterò una melodia irlandese chiamata "Sean-nós". Il "Sean-nós" è normalmente un canto non accompagnato. È l'irlandese influenzato dal Nord Africa. La nostra musica in Irlanda ha forti legami con l'emisfero meridionale. E non avrò gli occhiali. Trovo i miei occhiali, i miei occhiali da sole e li indosso. Non cambiano solo il modo in cui la gente mi vede. Cambiano il mio modo di vedere il mondo. Il modo in cui la band si esibisce in quel momento è direttamente dal futuro, con un tocco di 1990 a Berlino, nella Zoo Station.

 

Bono sul direttore creativo degli U2 Willie Williams...

Bono: Willie ha fatto un lavoro incredibile nel gestire la grandezza non solo dell'edificio, ma anche di ciò che stiamo cercando di fare con l'edificio. ... quest'uomo si impegna tantissimo. Non fa le cose a metà. È davvero un privilegio poterlo far lavorare liberamente e aiutare, in un certo senso, nella costruzione. 

 

Bono sulle Proiezioni Futuristiche dello Sphere... 

Bono: ... questi sono degli uno e degli zero. Questa non è fotografia, non è fotografia cinematografica, viene da un motore grafico. Ma un motore grafico portato al livello successivo, un livello mai raggiunto prima.

 

Gli U2 parlano di Larry Mullen Jr. che suona la batteria in "Atomic City" e la tristezza di suonare senza di lui nei prossimi concerti allo Sphere... 

Bono: È davvero complicato per lui. È arrivato la sera prima della registrazione al Sound City. Ci sono così tante storie in quello studio. Edge voleva che ci andassimo. E Larry è andato la sera prima per essere sicuro. Non sapeva se sarebbe riuscito suonare per un'ora o... per 15 minuti. E ha semplicemente suonato alla grande.

The Edge: John (il suo tecnico) ha detto che gli piaceva così tanto l’acustica della stanza che ha continuato a suonare per tre ore.

Bono: Era il posto giusto per noi. E Larry ne ha risentito. Mentre giravamo il video, lui diceva: "Ahi!". Ma tornerà in forma. È uno strazio per Larry essere qui, vedere tutto questo e sapere che Bram lo sostituisce. E comunque, Bram è una superstar. Era un fan di Larry e un suo studente. E ora sarà qui a suonare al posto di Larry, e questo deve far male tanto quanto alcuni infortuni. Ma ha comunque dato tutto in questa canzone. I batteristi nascono, non vengono creati. E parlano la loro lingua. Sono una razza a parte. E noi non siamo niente... È da qui che nasce il rock and roll nella nostra band.

 

Gli U2 sulla direzione futura degli U2...

The Edge: Beh, penso a nuova musica, a nuovi brani. Ce ne sono molti che abbiamo già pronti e altri che devono essere rispolverati, ma saranno pronti presto. Ti dico che abbiamo delle nuove canzoni incredibili. Davvero entusiasmanti.

Bono: Edge ne ha circa 100 pronte da parte. Io ne ho circa 20... ma Adam ha qualcosa da aggiungere. Larry se ne starà lì seduto a sfogliare l’elenco dicendo: "Sì, no, questa è spazzatura. Questa è spazzatura. Questa è spazzatura. C'è qualcosa qui che non sia spazzatura?". Ne troveremo 10. E questo è tutto ciò che è necessario.

The Edge: È tutto quello che serve.

Bono: 10. Ed è la vostra ragione di esistere. Altrimenti, gli U2 dovrebbero andarsene a quel paese. Andare a vivere su un'isola o andare a dare fastidio da qualche parte nel mondo. Utili da qualche parte nel mondo. Entrambe le cose vanno bene. Ma se vogliamo continuare a essere una band, si tratta di una cosa soltanto. Si tratta dei testi, delle melodie, delle performance. Si tratta di capire se siamo credibili o no. E nel nostro gruppo c'è un genio musicale straordinario. Cercheremo, io cercherò, di esprimere a parole la musica che crea. Io la faccio con lui. Ma è Las Vegas o nient’altro, baby.

 

Bono e The Edge e la battaglia per il futuro degli U2...

Bono: La lotta è per il nostro futuro. È amore contro fortuna. Ma è su questo che si basa la nostra band. Non è solo amicizia. Usiamo troppo la parola "amore" come facevano i Beatles. È quindi per voi… è come se steste dicendo "Whoa, aspetta!". Perché è una parola pigra da usare se non ha un significato. E se non ha un significato all'interno della band, non lo avrà nemmeno al di fuori di essa. Quindi questo è il momento in cui se le persone hanno perso il loro amore, dovrebbero andare a quel paese. Me compreso. Capisci cosa intendo? È così, giusto? E se non vi state innamorando della musica... Perché la musica ci paga le bollette. E se non ami la musica, è il momento di andare a quel paese.

The Edge: La cosa che non abbiamo dimenticato è che è un privilegio stare su questo palco, suonare le nostre canzoni davanti a questo pubblico. Per noi è importantissimo. Non vogliamo sbagliare. Non si può sprecare questa opportunità.