Frame

Afo 4

2005 (Mousikelab) | elettronica

Già attivi nel campo delle colonne sonore per mostre d'arte e film (ricordiamo in proposito "L'inverno" con la regia di Nina di Majo), Davide Mastropaolo e Leandro Sorrentino si cimentano in una nuova fascinazione che continua a esplorare i confini tra il visuale e l'uditivo. "Afo 4" è il nuovo progetto dei Frame, e si presenta come storyline sonora, "musicata con le immagini" di Nina Di Majo, che ricambia il favore con una serie di rappresentazioni filmiche che hanno lo scopo di creare suggestioni, allargare il campo percettivo, mettere in moto processi di immedesimazione/ estraneamento.

Elettronica che si presenta nelle vesti di avvolgenti squarci ambientali e di battiti sincopati che emergono come punteruoli all'interno di costruzioni fluide. Nina Di Maio, dicevamo, ci regala una delicata storia d'amore post-nucleare, ambientata dalle parti di "Afo 4", una delle torri del cimitero industriale di Bagnoli, scenario che si sposa perfettamente all'intenzione. Corpi che si sfiorano, fremono, soffrono, relegati in un limbo che è origine e fine, frastuono e silenzio, assenza di vita e volontà di rinascita; e la musica scorre. "Nekih Problema" dà origine al flusso filmico/sonoro, è potentissima ambient-music che sporca le sue trasparenze con rumori e interferenza di sottofondo, come ricordi, ultime testimonianze umane tra le rovine di un mondo collassato.

Atmosfere claustrofobiche e ritmiche sostenute si percepiscono nel crescendo ironico di "Pon", così etereamente minaccioso nell'accompagnare lo struggimento di quelle innocenti sagome wendersiane alla mercé del quasi nulla sensoriale. Il minimalismo sonoro che caratterizza le nove tracce è, nel caso di "Afo 4", probabile volontà di rendere immagine e suono un tutt'uno inscindibile, fruizione plurisensoriale e totalizzante. E "Music For A Merged Bubble", pur approdando in territori contraddistinti da una maggiore concretezza sonora, mantiene fede all'intento, affondando una tenue linea melodica orientaleggiante in un abisso di nebulose ambientali, come un Susumu Yokota che duetta tra i ghiacci con sua maestà Brian Eno.

Ancora sentimenti forti e lacrime digitali nella splendida "From Y To Z", inquietante elettronica a bassa battuta a offuscare ulteriormente lo scenario. Spiazzante nella sua capacità di rendere vivo il sintetico, "Afo 4" è un piccolo e discreto manifesto di come amare ed essere amati, morire e rinascere all'interno della società post-moderna, post-industriale, post tutto e niente.
  • Tracklist
  1. Nekih Problema
  2. Pon
  3. Music For A Merged Bubble
  4. Madalia
  5. Pinji Ass
  6. From Y To Z
  7. Doi Guo
  8. Return To Afo 4
  9. Sequenza Quattro
su OndaRock
Frame on web