Sanso-Xtro

Sentimentalist

2005 (Type / Wide) | glitch

Melissa Agate cattura la nostra attenzione attraverso un album dai tratti calcolati, cesellati nei minimi particolari. Il contenuto mostra una mirabile miscela di strumenti acustici e manipolazioni digitali, da cui veniamo immediatamente avvolti e assaliti.
Nata ad Adelaide e residente a Londra, in origine batterista della misconosciuta formazione avant-rock a nome Sindog Jellyroll, con il passare del tempo s'accorge che il panorama rock le sta stretto e inizia a sperimentare con una miriade di strumenti a corde, una sapiente mistura di elettronica sperimentale, molto inusuale e fuori dagli schemi. Chitarra acustica, banjo, ukelele, ogni cosa è utile per creare i suoi pattern che emanano originalità e innovazione da ogni singola nota. Raffronti riguardanti la sua musica, per sua natura quasi indefinibile, possono essere fatti con il glitchy-rock dei Radian, certi sapori dei più sperimentali Stereolab e alcuni rimandi alla scena del glitch puro, Microstoria, Opiate e anche un certo Takagi Masakatsu su tutti.

"Sentimentalist" è un album scorbutico e scontroso. Piccoli accenni di melodia sembrano soccorrere un ascoltatore distratto, microscopici attimi d'armonia tratteggiano disegni circolari e ovattati. Spigolosità proliferano ovunque, ruvidezze sonore effigiano un mondo scabroso e aspro.

Il principio tocca a "The Last Leaf" ed è già un viaggio a iniziare, nella nostra mente.
Infinitesimali loop d'uno strumento acustico martoriato, microscopici rintocchi digitali, battito d'una percussione appartata, ciclico rigenerarsi di suoni aleatori, senza un apparente criterio. Poco a poco il tutto si sgretola, in un progressivo sfasciarsi del ritmo, fino a un silenzio inaspettato. "Zlumber…Talkinmysleep" è un leggero bozzetto in cui confluiscono con sorprendente naturalità, drones serpeggianti, rimbombi d'un banjo (?) processato, pulsazioni meccaniche, programmate, ruvide. Lo spumeggiare sbarazzino d'un synth dona all'atmosfera un afflato scanzonato.

La successiva "Unsentimental" è pressappoco la logica conseguenza (e mutazione) della precedente. Ancora alterazioni meccaniche per uno strumento a corda spolpato e destrutturato, echi rimbombanti, soffi d'un vento gelido, strappi sonori e un approccio deliziosamente minimale sembrano ricoprire l'opera.
"And Then Return To Zero" è basato su un sensuale intreccio di xilofoni, bleep che proliferano, battito d'un tubo metallico sulla superficie d'una statua di cristallo. Par di sentire la colonna sonora per un'immensa distesa di ghiacci, in cui piccole gocce cadono sulla superficie, l'aria sferza il luccicare degli atomi di gelo, resti d'uno scontro di iceberg lasciano al silenzio dei suoni inestimabili.

"Plant Skeletons" è composto da escrudescenze digitali, anime sonore ondulate, svariati sovrapporsi di fantasmini svolazzanti che schizzano in ogni direzione, rimbalzando senza una regola. Soffice ambientazione per un stanza completamente deserta, in cui soltanto l'aria può far la sua presenza.
Attraverso le sdruciture timbriche di "Blue Signal", percorrendo con cautela un delizioso soundscape come "Frangipiani Gardens". Un accoppiata di composizioni che confermano appieno le potenzialità dell'artista, capace di frullare in maniera congrua e coesa un infinità di influenze con grande personalità, senza mai scadere in uno sfacciato citazionismo.

"Misplaced Feather" rappresenta ancora una composizione completamente immersa in un oblio di misticità. Accordi d'uno strumento etereo, suonato con decisione, scabrosità variegate compongono un sottofondo di dolorosa ruvidezza. Sul finire, uno sfrigolio misterioso, acquieta i nostri sensi, con un tatto bambinesco.
"Spark" è un mare di angoli intagliati con precisione certosina, limati e rifiniti, spumoso attorcigliarsi d'un turbine di rintocchi impazziti.
"Minus Ecki" è ancora sperimentalismo acustico. Tre note di chitarra vengono poste su due piani d'esecuzione diversi, spostate e traslate nel tempo, rendendo il tutto molto disorientante. Ad arricchire una struttura già satura s'aggiungono picchi di volume e un cuoricino in crisi epilettica, che batte senza sosta.
Conclude la più solare "Like White Fire", tra luccicanti accordi, chincaglierie elettroniche e una fantasia incontenibile.

Disco d'una artista promettente, assolutamente da tenere d'occhio. Opera che conferma appieno la straordinaria media qualitativa dell'etichetta Type Records, una delle migliori di tutto il 2005.

(03/04/2011)

  • Tracklist
  1. The Last Leaf
  2. Zlumber...talkinmysleep
  3. Unsentimental
  4. And Then Return To Zero
  5. Plant Skeletons
  6. Blue Signal
  7. Frangipani Gardens
  8. Misplaced Feader
  9. Spark
  10. Minus_ecki
  11. Like White Fire
Sanso-Xtro su OndaRock
Recensioni

SANSO-XTRO

Fountain Fountain Joyous Mountain

(2011 - Digitalis)
A sei anni da "Sentimentalist", il ritorno di Melissa Agate con un microcosmo di frequenze ..

Sanso-Xtro on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.