Grey Daturas

Path Of Niners

2007 (Rocket Recordings) | impro-noise

Gli amanti delle atmosfere malsane e morbose avranno di che rallegrarsi (oddio, rallegrarsi forse non è il termine adatto) nell’ascoltare questo “Path Of Niners”, terzo album vero e proprio degli australiani Grey Daturas. E bisogna sottolineare, soprattutto per coloro che non erano rimasti particolarmente affascinati dall’ancora acerbo “Dead In The Woods” del 2004, che in effetti si tratta di un lavoro molto più compatto e suggestivo del suo predecessore.

I quaranta minuti di “Path Of Niners” risaltano soprattutto per un’unità di fondo, che si potrebbe definire umorale, essenzialmente tendente allo spettrale, in cinque improvvisazioni strumentali che tracimano in piogge di feedback  e rumorismi assortiti, il tutto corroborato da una ritmica apocalittica.
Se il linguaggio stilistico di “The New Neuralgia” è stretto parente del criptico repertorio di Neurosis e Isis, “Cretinism” intona a sua volta un mantra per chitarra elettrica prima funesto e poi etereo.

Con “Aurora Australis”, il trio di Melbourne si concede, poi, un’escursione nell’ambient più glaciale: sembra di respirare l’aria di terre desolate e sinistramente vergini, tra frequenze disturbate e suoni manipolati.
Nella successiva “Ghosts Of The Eastern Block”, i tre musicisti australiani si confermano abili costruttori di un sound abrasivo e dissonante che, corredato da lugubri arpeggi di chitarra, viene poi fagocitato da imponenti nebulose ritmiche.

La title track, infine, chiude il disco col suo blues extraterrestre, che suona come una chiamata alle tenebre.

(04/01/2008)

  • Tracklist
  1. The New Neuralgia
  2. Cretinism
  3. Aurora Australis
  4. Ghosts Of The Eastern Block
  5. Path Of Niners
Grey Daturas su OndaRock
Recensioni

GREY DATURAS

Return To Disruption

(2008 - Neurot)
Molte ombre nel ritorno della compagine australiana