Cat Malojian

Cat Malojian

2008 (Bad Paw Music) | country-folk, bluegrass

Terribile. E’ questo, in lingua irlandese, il significato della definizione gergale “Cat Malojian”, ed è proprio questo il nome scelto, forse in maniera un po’ scaramantica, da Stevie Scullion e Jonathan Toman per il loro progetto di matrice acoustic-folk dal profumo marcatamente bluegrass.
In realtà basta ascoltare anche solo un paio dei brani di questi due ragazzi nati e cresciuti tra le verdi colline della contea di Armagh, nell’Irlanda del Nord, per realizzare che la loro musica non può certo essere definita “terribile”.
Chitarra, banjo e voce: la formula dei “Cat Malojian” è tutto sommato relativamente semplice, ma è proprio nel calore della voce di Stevie, nella leggerezza solare del suo picking e nel misurato brio del banjo di Jonathan a risiedere la straordinaria grazia del loro album d’esordio, anticipato da due Ep (“Life Rolls On” e “We’re Alright”) che hanno ricevuto svariati consensi dalla critica e non solo – la title track di “Life Rolls On” è stata utilizzata da una nota marca di telefonia mobile per una campagna pubblicitaria nel 2007.

Licenziato dalla loro stessa label, il self-titled dei “Cat Malojian” è un album dall’incedere regale, che si muove sinuoso tra le calle del country-folk e i vicoli dell’Americana (“Who Knows?”, “Life Rolls On”, “Guiding Light”), miagolando alla luna della tradizione irlandese (“Have Mercy On Me”) o restandosene acciambellato sulle scale del bluegrass (“Parsnips & Carrots”, “Bursting Bubbles”). La scrittura di Stevie Scullion è estremamente raffinata e gli arrangiamenti cristallini dei brani risultano sempre impeccabili, senza eccessi né sbavature.
Ascoltando la musica del duo irlandese si ha una sensazione di confortevole tepore, rafforzata dagli accenni di mandolino e armonica di Jonathan e Stevie, rispettivamente, nonché dalle incursioni strumentali (violino e French horn su tutti) dei numerosi guest.
Come un nobile cavaliere uscito dalla penna di Geoffrey Chaucer, Stevie Scullion si lascia amabilmente andare in racconti d’amore, di nostalgia e di speranza, accarezzando i brani con una fresca e luminosa brezza (“The day is golden look at the sky/ the clouds are folding watch them fly”) ombreggiata da un’immancabile malinconia autunnale (“Trees are losing their leaves/ They’re blowing away”).

Con le sue movenze vellutate e la sua aria un po’ sorniona, il self-titled dei Cat Malojian si lascia apprezzare sin dal primo ascolto, ma per innamorarsi davvero della sua morbidezza e del suo portamento naturalmente aristocratico è necessario trascorrere molto tempo in sua compagnia, perché questo album si concede lentamente, rivelandosi solo alla lunga nella sua indole più intima e più vera. Come ogni felino che si rispetti.

(23/02/2009)

  • Tracklist
  1. Who Knows?
  2. Leave Me Alone
  3. Life Rolls On
  4. Couldn’t Be Better
  5. Goodnight
  6. Pettigoe
  7. Parsnips & Carrots
  8. Guiding Light
  9. Have Mercy On Me
  10. Bursting Bubbles
Cat Malojian on web