Fou

Procurarsi Guanxi

2008 (Novunque) | alt-pop

Provenienti dal sottobosco indie milanese, i Fou propongono una versione edulcorata di un certo pop non-sense che ebbe origine con i gloriosi Bluvertigo. Indecisa se tuffarsi sulla scia del successo dei Baustelle o cesellare canzoni introspettivamente insensate, la band prende una strada che sta a metà fra quest’ultime due opzioni. Se i testi sono spiritosi anche se un po’ ingenui, la musica inciampa spesso su stilemi chitarra-basso-batteria davvero stantii. Al contrario, gli intrecci fra voce femminile e maschile evidenziano una ricerca vocale di un certo calibro.

Tremule linee elettroniche (“Ultimo kebab (nel quartiere isola)”, “Edmundo") e qualche tensione ritmica di pregio (“Mandarini”), risollevano le quotazioni di un disco che esprime un confuso mix di potenzialità e cadute di stile. Per il futuro sarà fondamentale focalizzare l’attenzione su costrutti lirici più concreti, evitando sofismi di difficile fruibilità. Imperdonabile l’imbarazzante somiglianza di “Cosa Fai!” con “Sono=Sono” dei già citati Bluvertigo.

(17/10/2008)

  • Tracklist
1. Estinzione Di Un Magnete
2. Ultimo kebab (nel quartiere isola)
3. Mivar
4. Free Chupito In Regomir
5. Cosa Fai!
6. Asintoti
7. Voglio Governare
8. Mandarini
9. Editing
10. Cosa Fai (reprise)
11. Barcode
12. Edmundo
su OndaRock
Fou on web