Daniel Padden

Pause For The Jet

2008 (Dekorder) | free folk

Per questo lavoro Daniel Padden “abbandona” la One Ensemble e pure l’ispirazione purtroppo. E dire che “Pause For The Jet” inizia bene con due pezzi di grande spessore come “Those Throats”, che potrebbe essere benissimo una song acida dei Volcano The Bear, e con l’ubriacatura free-folk stile Godz (periodo “Third Testament”) di “Marseille Tape”. E poi? Il vuoto, il dannato e inaspettato vuoto. Perché “Pause For The Jet” è troppo dispersivo, frammentato e persino caotico, causa una marea di pezzi brevissimi, oltretutto poco focalizzati, e che traviano dalla comprensione complessiva del disco. Ovvero ascolti ascolti, ma alla fine non rimane nulla. Che poi questi piccoli frammenti hanno anche il difetto di essere mal disposti nella tracklist, e la loro quasi matematica sequenzialità induce più volte la tentazione  di chiudere baracca e burattini e passare ad altro. Ma Padden una recensione la merita comunque, lui si.

Anche le canzoni più lunghe, però, non si lasciano ricordare, eccetto “Crow Crow Growth” anch’essa debitrice al gruppo madre, e “Inappropriate Exlamation Mark” che trascina Sun Ra nelle lande della shit music più regredita in circolazione (fate voi un nome a scelta che tanto c’indovinate sicuro). Quando poi va a parare dalle parti del Tom Waits di “Franks Wild Years“ (“Full Color Lemon”, “Three Farewells”, “The Liar Inbeetween”, “Narwhal”), allora hai la conferma definitiva che questo non ha veramente un cazzo da dire a questo giro.
Ora, noi a Padden e ai Volcano The Bear vogliamo un mondo di bene, però “Pause For The Jet” non si può proprio sentire. Passate oltre.

(29/08/2008)

  • Tracklist
  1. Those Throats
  2. Marseille Tape
  3. Our Earthly Balloon
  4. Crow Crow Growth
  5. Sponge Shipwreck
  6. The Ghostly Whole
  7. Full Colour Lemon
  8. There Is Water At The Bottom Of The Ocean
  9. Three Farewells
  10. The Liar In Between
  11. You Clay
  12. The Shadow Of Lunch
  13. Narwhal
  14. An Inappropriate Exclamation Mark
  15. Arc Fankle
  16. Bustle
  17. English Again
Daniel Padden on web