Jookabox

Dead Zone Boys

2009 (Asthmatic Kitty/ Joyful Noise) | dancehall, electro, alt-rap

David “Moose” Adamson assottiglia il suo stage name in Jookabox (da quel Grampall Jookabox che aveva figliato “Scientific Cricket” e “Ropechain”) per generare “Dead Zone Boys”. Di nuovo alle prese con il feeling dance-hall e reggaeton del predecessore, stavolta lo inserisce in soundscape rabbuiate di cori, invocazioni muezzin, batterie tribaloidi o percussività generale (“Phantom Don’t Go”), nuovi acid-soul-r’n’b sintetici con vocine Chipmunks (“Glyphin’ Out”, “Don’t Go Phantom”), cowpunk-cajun (“You Cried Me”) e retro-motown con briciole di gospel e suoni da videogame (“Gonna Need The Guns/Doom Hope”).
La discreta imitazione del Nick Cave di “From Her To Eternity” di "Evil Guh" è quanto di meglio Adamson possa offrire nel 2009, ma non è un mostro di fantasia nella varie “East Side Bangs/East Side Fade” (da coretti Bee Gees a frasario rap), “Light” (battito carnascialesco brasileiro per voci rimodellate) e “F.I.T.F. #1”.
Affiancato stabilmente da “Ostry Sweets” (Patrick Okerson), la cui batteria fracassona vale almeno la metà del prezzo del biglietto, il Jookabox diventa più “jukebox”, uno zuzzurellone del telecomando che offre una varietà mattacchiona, e sfarfalla e sfoca una manciata di generi senza la mano ferma. “East Side Bangs/East Side Fade” contiene - sotto regolare licenza - un campione degli Zero Boys (“Viscious Circle”).

(03/12/2009)

  • Tracklist
  1. Phantom Don’t Go
  2. Don’t Go Phantom
  3. You Cried Me
  4. Gonna Need The Guns/Doom Hope
  5. East Side Bangs/East Side Fade
  6. Glyphin’ Out
  7. Evil Guh
  8. Xxxiawn Shell
  9. Zombie Tear Drops
  10. Light
  11. F.I.T.F. #1
su OndaRock
Jookabox on web