Pete Molinari

Today, Tomorrow And Forever Ep

2009 (Damaged Goods) | folk

In attesa del terzo più o meno imminente album, l’inglese (ma con sangue italo-maltese nelle vene e un pedigree che più americano davvero non si potrebbe) Pete Molinari decide di deliziare i suoi discepoli con una piccola scampagnata per inguaribili antichisti. Il luogo del delitto non poteva essere allora altro che Nashville, mecca laica del folk primevo, al Playground Sound Studio, in cui il nostro si è divertito ad assecondare le sue più recondite infatuazioni pre-war folk incidendo un breve florilegio di quattro cover sontuose: "Today, Tomorrow and Forever" (di Patsy Cline), “Satisfied Mind” (a firma Joell Hays/Jack Rhodes), “Guilty” e “Tennessee Waltz” (di Pee Wee King). A coadiuvarlo, oltre ai Jordanaires, il gruppo vocale The Georgettes e il maestro di pedal steel Chris Cruggs.

Il solito vecchio, vecchissimo, Molinari, lontano da mode o revival dal retrogusto strategico, tra carri merci lanciati nella pianura, piantagioni estensive senza confini precisi, e il sogno di un’America scolpita nella pietra possente del mito e stretta tra i denti come una bionda spiga dal sapore nobile e agrodolce. La versione in cd del mini-album è impreziosita da ben tre bonus track, che vanno da un’esecuzione rigorosamente acustica della vecchia “One Stolen Moment” fino a un paio di inediti, sempre spogliati in acustico, in bilico come al solito tra Bob Dylan, Gram Parsons e Pete Seger.
Un buon antipasto per quello che il ragazzo ci sta preparando.

(24/09/2009)

  • Tracklist
1. Today, Tomorrow And Forever
2. Satisfied Mind
3. Guilty
4. Tennessee Waltz
5. One Stolen Moment (Acoustic)
6. Balla
Pete Molinari su OndaRock
Recensioni

PETE MOLINARI

Theosophy

(2014 - Cherry Red)
Ancora sano rock'n'roll, beat, folk e tracce di blues per il musicista inglese

PETE MOLINARI

A Virtual Landslide

(2008 - Damaged Goods)
Un viaggio fra i sentieri virtuali di un menestrello folk

Pete Molinari on web