Phosphorescent

To Willie

2009 (Dead Oceans) | country

“To Willie” non è il primo disco per Matthew Houck - un ragazzo dell'Alabama che ora vive tra Athens e Brooklyn - ma sarà di sicuro quello che lo farà ricordare. Meno di due anni fa, il precedente disco di Houck, “Pride” (Dead Oceans, 2007), aveva colpito, oltre che per la presenza di Jana Hunter e Raymond Raposa (Castanets), per le ballate che conteneva: alcune fragili e spettrali, altre corali e bellissime. Stessa formula sul nuovo disco: poco meno della metà delle cover di Willie Nelson in scaletta sono quasi solo voce e chitarra, le altre invece sono state arrangiate con una piccola orchestrina country, pronte per essere suonate al rodeo della contea.
Matthew si è prodotto il disco da solo, chiamando a suonare una mezza dozzina di amici musicisti che sembra abbiano passato tutta la vita ad arrangiare vecchi classici del country.

(05/03/2009)

  • Tracklist
  1. Reasons To Quit      
  2. Too Sick To Pray     
  3. Walkin'     
  4. It's Not Supposed To Be That Way     
  5. Pick Up The Tempo     
  6. I Gotta Get Drunk     
  7. Can i Sleep In Your Arms     
  8. Heartaches Of A Fool     
  9. Permanently Lonely     
  10. The Last Thing I Needed (First Thing This Morning)     
  11. The Party's Over
Phosphorescent su OndaRock
Recensioni

PHOSPHORESCENT

Muchacho

(2013 - Dead Oceans)
Matthew Houck si ripresenta forte del successo

PHOSPHORESCENT

Here's To Taking It Easy

(2010 - Dead Oceans)
La gemma insieme verace e raffinata del cantautore di Athens, all'ennesima conferma

News
Phosphorescent on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.