Svetlanas

KGB Session

2009 (Autoprodotto) | punk-rock

Sfruttando a pieno l’iconografia sovietica, quattro ragazzi italiani cercano di riaccendere il fuoco mai troppo sopito del punk tricolore.
Angela, Chiara, Diste e Pedro si lanciano in un esordio che prende le sembianze di un Ep di cinque tracce per complessivi sei minuti e spicci che hanno la capacità di catapultarci di forza nel bel mezzo del 1977.
La trovata è che gli Svetlanas (questo il nome scelto per identificare la band) hanno preparato un finto comunicato stampa con il quale dichiarano di essere un combo punk-rock operante negli anni 70 e composto da musicisti russi che in realtà prestavano la propria opera per i servizi segreti dell’ex-Urss. Soltanto oggi, dopo oltre trent’anni di ibernazione i nostri tornerebbero con questa “KGB Session”.
Escamotage divertente e ben raccontato, che supporta il più classico degli arrembaggi punk: one-two-three-four e vai.

Adrenalina pura sparata al massimo con lo sguardo verso i Ramones o, tanto per fare un esempio di casa nostra, i migliori Senza Benza. Carino il dischetto che riproduce in piccolo le sembianze di un 45 giri d’epoca. Unico difetto dei nostri, quello di essere completamente privi di una propria caratterizzazione e di suonare esattamente come suonerebbe qualsiasi altra band punk-rock.
Ma è solo il primo tassello; se son rose...

(03/06/2009)

  • Tracklist
  1. Russian Tiffany
  2. Panic! Attack!
  3. Kremlin Killer
  4. Chernobyl Boy
  5. Soviet Of Your Heart
Svetlanas on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.