Temperatures

Eksra

2009 (Ultramarine) | impro-noise

"One of London´s most spasmodically captivating outfits". Con queste parole Byron Coley e Thurston Moore descrivevano i Temperatures su Arthur Magazine nel 2007, se non erro. Ed è nel 2007 che questo misterioso duo londinese formato da Peter Blundell (basso e voce) e James Dunn (synth e batteria) dava alle stampe "Ymir", album a tiratura limitatissima che lasciava intravedere le potenzialità della band, interprete di un noise improvvisato e minimale. In quel disco le reiterazioni ossessive dei pattern percussivi e il suono del synth, ronzante e sottilmente psichedelico, creavano scenari di soffocante alienazione urbana.

Somiglianze? Difficile trovarne. La cifra del suono dei Temperatures è abbastanza personale, tuttavia se proprio volete dei nomi, beh prendete come riferimento il noise progressivo dei Ruins, le decostruzioni ritmiche dei Dead C e le squadrature matematiche dei Lightning Boilt, ma in una versione molto più scheletrica e minimale.

A due anni di distanza i Temperatures tornano con un nuovo disco sotto l'egida della nostrana Ultramarine, che ha già dimostrato di avere occhio lungo, vedi i casi di Amolvasy e The Right Moves. Allora "Eksra" ripete il canovaccio del disco precedente, pigiando l'acceleratore sulle ritmiche - ancor più serrate e "fratturate" - e su una dinamica di interplay che mette in risalto i contrasti tra i pieni e i vuoti di suono.

Le urla soffocate di Blundell e il synth deturpato di Dunn danno corposità all'incedere claudicante e sventrato di questa musica, che riesce a darsi un briciolo di intelligibilità proprio grazie ai suoni sintetici in sottofondo, che costruiscono traiettorie noise quantomeno ricorsive. Nelle pause tra un assalto sonoro e l'altro poi, è proprio la batteria a riempire i vuoti, dando l'impressione di fungere da collante tra quelle che potremmo definire come vere sessioni improvvisative.

Una curiosità: pare che il batterista James Dunn abbia collegato un synth ARP 2600 modulare a un microfono a contatto e alla batteria. Suonando quest'ultima riesce, quindi, contemporaneamente a far suonare il synth.

(29/12/2009)

  • Tracklist
  1. 4:49
  2. 14:14
  3. 11:21
  4. 8:03



Temperatures on web