Betzy

Romancing The Bone

2010 (Lady Lovely) | pop-rock

La musica è un racconto di esperienze vissute, piccole schegge di un resoconto che, come un diario, coglie sottili istantanee: è questo anche il percorso da cui nasce “Romancing The Bone”, un insieme di canzoni composte durante un viaggio in America del 2006 da Fabio Cussigh e abilmente vestite dalla produzione di Ru Catania.
Un racconto ora scanzonato (“Suze K”, Gay Bar”), ora più sofferto e vissuto ( “Night Jersey”, “Mess Around”), costruito su scampoli di blues folk e pop con scorie di soft-jazz e rock, il tutto condito da una malinconia mai ossessiva e da una giocosità mai stupida.
 
Sono racconti di solitudine sorretti da una ambiguità maliziosa (“Romancing The Bone” è un gergo per indicare la masturbazione), un insieme di esperienze sonore digerite e ricomposte con gusto, tracce di Lou Reed e spunti vocali alla Crash Test Dummies sono gli elementi più riconoscibili, ma le citazioni scivolano senza logica continuità con strane atmosfere glam inglesi e pop-jazz da bar di periferia newyorkese.

Ma nonostante il ricco insieme di spunti, il riascolto diventa forzoso e evidenzia i limiti delle canzoni che risultano gradevoli (“Just Call”) o fastidiose (“Shopgirl”), con toni leggermente più rimarchevoli in alcuni episodi (“Goldfinger”, “Mess Around”), ma sostanzialmente poco originali (“Little Student”, “Sisters Are Better”).

In definitiva non si giustificano le lodi e meraviglia che lo hanno preceduto, un album che non aggiunge elementi di chiarezza al confuso pop-rock del secondo millennio.
Onesto, anche leggermente stuzzicante, “Romancing The Bone” scivola via come una serata tra amici ricca di vaporosi ricordi; è innegabile un suo fascino eccentrico e scanzonato, ma come resoconto di un viaggio sarebbe stato preferibile un album di foto.

(14/04/2010)

  • Tracklist
 1. Just A Call
 2. ShopGirl
 3. Suze K
 4. Goldfinger
 5. Little Student
 6. Night Jersey
 7. Always in the Dog House
 8. Sisters Are Better
 9. Gay Bar
10. Mess Around
11. Don’t Shit on My Rainbow
su OndaRock
Betzy on web