Dimlite

Prismic Tops

2010 (Now-Again) | glitch-hop

Certo che chiamare Ep un lavoro di otto pezzi per quasi quaranta minuti di musica sembra una forzatura. Ma tant'è. A quanto pare, lo svizzero Dimitri Grimm, da cinque anni apprezzato produttore vicino alla cricca di Flying Lotus e compagnia, si sta però solo scaldando in vista dell'uscita di un full lenght nel corso del prossimo anno.

E lo fa con questo capolavoro glitch-hop che prosegue la ricerca musicale iniziata con l'interessante esordio, datato 2005, "Runbox Weather". Schegge impazzite di elettronica post-tutto, tra tripudi di synth acidi, beat corposi, bassi profondi e miniature sinuose, la musica di Dimlite è ipnotica, sensuale e al contempo giocosa, sulla scia dei tanti acclamati Fly-Lo e Gonjasufi.

Sparatevi in cuffia a tutto volume questo disco dalla ritmica irresistibile per godere a pieno delle infinite sfumature dell'album. Si parte con le trame sintetiche acide di "Kalimba Deathswamp", che si risolvono in una strabiliante sinfonia multicolore. Segue il battito cosmico di "On The Sam Picture", con la voce suadente di Elan Tamara che disegna lineamenti eterei in una struttura tendenzialmente r'n'b. "Firevomit" volteggia gorgogliando su linee di basso corrosive prima che "Sun-sized Twinkles", probabilmente la traccia più riuscita del disco, viri verso un sound più liquido ma sempre avvolgente e soffuso. Con "Elbow Flood" Dimlite sfiora territori dark-ambient in apertura, prima di convogliarsi su un beat marziale funereo. In "Rump Studies" si mescolano suoni orientaleggianti, tra flauti distorti e melodie ascendenti vibranti. "Can't Get Used To Those" è un lampo di bossanova elettronica che apre la strada alla versione completamente strumentale di "Elbow Flood", che mette il punto su quest'opera sontuosa.

Il potpourri di r'n'b, trip-hop ed elettronica di Dimlite è gustoso e dalle dosi sapientemente miscelate. Grimm destruttura e ricompone il sound del vecchio millennio, creando il vero suono della post-modernità: citazionista ma distruttivo nei confronti della tradizione; frammentario ma inglobato in un corpo unico, ben definito e definibile; ancorato alle strumentazioni tradizionali, ma deformate dall'uso massiccio di synth, sequenze, drum machine e altri marchingegni elettronici. La nuova armata del glitch-hop avanza alla conquista della scena musicale mondiale mostrandosi come vero, unico, nuovo paradigma musicale degli anni 10. E Dimlite ne è già uno degli alfieri, ancora all'ombra del generale Steven Ellison. Magari fra qualche anno potrebbe però esserne uno dei comandanti.

(30/12/2010)

  • Tracklist
  1. Kalimba Deathswamp
  2. On The Same Picture
  3. Firevomit (O.D.N.)
  4. Sun-Sized Twinkles
  5. Elbow Flood
  6. Rump Studies
  7. Can't Get Used To Those
  8. Elbow Flood (Instrumental)
su OndaRock
Dimlite on web