Les Marquises

Lost Lost Lost

2010 (Lost Recordings) | post folk-rock

Progetto del produttore e polistrumentista degli Immune Jean-Sébastien Nouveau, Les Marquises (moniker che rimanda direttamente a Jacques Brel) si muove al confine tra umori post-rock, french touch e rigurgiti folk.

“Lost Lost Lost” (che si avvale della collaborazione della cantante Jordan Geiger e del batterista Jonathan Grandcollot) è un esordio incompiuto ma con qualche freccia al suo arco davvero niente male. Mi riferisco, innanzitutto, all’opener “Only Ghosts” che, partendo da un’impostazione essenzialmente minimalista, si carica di stratificazioni progressive, con impennate sontuose, fiati a briglia sciolta o distesi in tappeti solenni (vedi anche la marziale “Comme Nous Brulons”), il tutto mentre le percussioni tracciano i confini di un tropicalismo surreale. Un piccolo capolavoro, insomma.

Nella fanfara di “Sound And Fury”, invece, sono le tastiere a determinare i contorni di una scenografia desolata, con la voce della Geiger perfettamente a suo agio nel rimarcare l’evanescenza della malinconia. Nouveau suona un po’ di tutto in questi sei piccoli affreschi di spleen metropolitano (organo, batteria, chitarra acustica, beat machine, tastiere), con paesaggi che si vestono di autunnale grigiore (“La terra trema”, la scheletrica folk ballad “This Carnival Of Light”) o si perdono dentro le meccaniche di una claustrofobia stentorea (“Terrible Horses”).
Assolutamente da tenere d’occhio!

(18/11/2010)

  • Tracklist
1. Only Ghosts
2. La Terra Trema
3. Sound And Fury
4. This Carnival Of Light
5. Comme Nous Brulons
6. Terrible Horses
Les Marquises on web