Panico

Kick

2010 (Chemikal Underground) | rock

In un mondo nel quale le distanze si azzerano e ci sentiamo tutti un po' più cosmopoliti, non è più così raro ritrovarsi a parlare di una rock band cilena in grado di suonare come le novità europee più hype.
Si chiamano Panico, arrivano da Santiago, sono attivi dal 1994, attualmente incidono per la Chemikal Underground e hanno registrato questo "Kick" - loro settimo album - negli studi di Glasgow dei Franz Ferdinand con Gareth Jones in cabina di regia e Paul Savage responsabile del mixaggio.

Il disco è composto di dieci tracce imperniate su un rock nervoso a metà strada fra punk e indie, un'attitudine che tende a mediare gli assalti chitarristici con l'esigenza di rendere il sound accessibile.
Dentro ci sono echi di Ramones ("Icon"), Jesus & Mary Chain ("Bright Lights"), Clash ("Reverberation Mambo"), deliri metropolitani ("Guadalupe") e patchanka, senza mai dimenticare di far trasparire le proprie origini latine ("Algodon").
E la bella sorpresa di "Distant Shore", posta strategicamente a fine tracklist.

Si iniziò a parlare diffusamente di loro nel 2005 a seguito dell'apprezzato "Subliminal Kill", ma "Kick" potrebbe davvero considerarsi il loro disco definitivo, nonostante qualche caduta di tensione ("Uptown Boy" o la poco efficace apertura affidata a "Illumination"), che inevitabilmente ne ridimensiona il rating finale.

(14/10/2010)

  • Tracklist
  1. Illumination
  2. Bright Lights
  3. Icon
  4. Reverberation Mambo
  5. Algodon
  6. Waka Chiki
  7. Guadalupe
  8. Uptown Boy
  9. I Wanna Be Your Needle
  10. Distant Shore
Panico on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.