Fen

Epoch

2011 (Code666) | black metal, post core, ambient

È ormai consuetudine tra addetti ai lavori codificare sotto la stramba dicitura shoegaze black metal tutte quelle esperienze musicali che, partendo da un solido retroterra black metal, impreziosiscono la propria proposta musicale attingendo a piene mani da generi apparentemente distanti come post-rock, post-core e ambient music. Alcest, Amesoeurs, Wolves In The Throne Room sono i nomi più celebri ascrivibili a questa famiglia, alla quale aggiungiamo, con piacere, gli inglesi Fen e il loro ultimo lavoro "Epoch".

Un'opera polarizzata tra il richiamo a una nobile tradizione - in alcuni momenti si avvertono certe somiglianze con i Novembre di "Classica" - e un istrionismo che non disdegna l'interiorizzzione di alcuni input cari a tradizioni musicali apparentemente distanti dal black metal come potrebbe essere certo post-hardcore (in più di un episodio si coglie lo spleen che ha ammantato lavori come quelli di City Of Caterpillar).

Esteticamente perfetti i crescendo esplosivi caratterizzanti la title track "Epoch", gli squarci emotivi in apetura di "Carrier Of Echoes", le introspezioni autunnali di "Of Wilderness And Ruin", le sospensioni dark-wave di "Half-Light Eternal" che richiamano da vicino This Empty Flow. Episodi che comunque faticano a cancellare certe inguenità che permangono negli arrangiamenti di Fen: ci si riferisce a certe stucchevoli pacchianerie che ancora risentono del radicamento del gruppo albionico in seno alla tradizione black metal e che, nell'opera in questione, mal si coniugano con l'esplorazione di territori musicali altri dal metallo nero (a questo proposito in più di un episodio le evoluzioni ritmiche di Fen stonano con la struggente delicatezza del contesto). È come se questo "Epoch" si dimostri, nella sua complessiva bellezza, refrattario a lasciarsi alle spalle le colonne d'Ercole che separano l'ortodossia metallica dalla contemplazione di un orrizzonte scevro di cliché e quindi autentico.

(21/02/2011)

  • Tracklist
  1. Epoch         
  2. Ghosts Of The Flood          
  3. Of Wilderness And Ruin     
  4. The Gibbet Elms     
  5. Carrier Of Echoes     
  6. Half-Light Eternal     
  7. A Warning Solace     
  8. Ashbringer 
Fen su OndaRock
Recensioni

FEN

Dustwalker

(2013 - Code666)
Nel suo terzo disco, la band inglese accentua i contrasti tra rabbia e melodia

Fen on web