Hot Head Show

The Lemon Lp

2011 (Hakisac) | crossover, funk

Un disco molto poco convenzionale il debut album degli Hot Head Show, giunti finora agli onori delle cronache per essere diventati i pupilli di Les Claypool. Il sound del gruppo è un articolato e travolgente funk metropolitano, fortemente debitore proprio dei Primus e dei primi Red Hot Chili Peppers, con l'aggiunta di molteplici e spesso imprevedibili contaminazioni.

Si parte con "Bummer" che frulla hard-funk ed ottoni tex-mex, poi si riavvolge il nastro per essere risucchiati nel vortice di "Playload", che suona come se James Brown fosse nato nel secondo millennio. C'è molta carne al fuoco in questo "The Lemon Lp", come il blues di "Donkey", le folli giravolte gitane di "Whiskey Pocket", i siparietti cabarettistici di "Hotel Room", le cadenze in levare che si trasformano in ska-punk di "Ritalin".
"Chopstickabean; Bambini" è un altro ska impazzito che pare assurdamente partorito da un impossibile incrocio fra Bad Manners e Mink DeVille, che si perde poi in digressioni cosmiche e sregolatezze hardcore. Le chitarre puntano dritte verso il crossover, il basso la fa spesso da padrone, il frontman è Jordan Copeland, il figlio di Stewart Copeland. Per una volta buon sangue non mente.

(11/08/2011)

  • Tracklist
  1. Bummer
  2. Playload
  3. Chopstickabean; Bambini
  4. Hotel Room
  5. Whiskey Pocket
  6. What Goes Round
  7. The Lemon
  8. Blessed Polynomial
  9. Ritalin
  10. People
  11. Donkey
Hot Head Show su OndaRock
Recensioni

HOT HEAD SHOW

Perfect

(2013 - RBL)
Il secondo lavoro della crossover band capitanata da Jordan Copeland

Hot Head Show on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.