Jonathan Inc.

Lost:Time

2011 (Arctic Rodeo) | alt-rock, alt-pop

Dopo un'uscita auto-prodotta dell'anno scorso, la band di Jonathan Anderson arriva qui alla distribuzione ufficiale con la Arctic Rodeo, con un disco in cui l'espressività "esagerata", quasi emo del Nostro (niente a che vedere col Bazan citato sul loro blog, che fra l'altro pare, al confronto, un esempio di sobrietà) fa di tutto per distogliere l'attenzione dalla qualità innegabile delle composizioni e del suono. "Lost:Time" si rivela, tutto sommato, gradevole e in grado di offrire spunti variegati, che dimostrano un lavoro non affrettato e un'abilità di esecuzione non comune.

Superato l'ostacolo iniziale del cantato (la presenza nei ringraziamenti dei Great Lake Swimmers fa in effetti pensare un po' alle sofferenze emotive di un'ipotetica controfigura negativa di Tony Dekker) e di certi brani fin troppo radiofonici (le iniziali "Waiting For Morning" e "Impatient" su tutte, velo pietoso sui testi), si arriva ad apprezzare la grazia, la dolcezza di una "A Thousand To One" o di una "Long Gone" (quest'ultima nell'orbita degli ultimi Low) e, soprattutto, la preziosità degli arrangiamenti e delle costruzioni, che sfiorano acmé emotive post ("Broken Record") e sfoggiano finezze jazz-rock (la bella, notevole "Hours On A String").

Sarebbe stato insomma un disco in grado di distinguersi, insomma, senza certe esagerazioni - nient'altro che carenze autorali - tutte "di pancia", da parte di Anderson. Nonostante faccia di tutto per non farsi notare (artwork, packaging, titolo, per non parlare del nome della band), "Lost:Time" mostra una band che attende solo lo scatto di maturità finale: nel frattempo val la pena di godersi le oasi di bellezza che contiene.

(16/05/2011)

  • Tracklist
1. Waiting For Morning
2. Impatient
3. Astronauts
4. Hours On A String
5. A Thousand To One
6. Road Noise
7. 100 Voices
8. Best Bets
9. Cease Fire
10. Broken Record
11. Long Gone
12. Time, Lost
Jonathan Inc. on web