Robert Miles

Thirteen Remixes

2011 (Salt) | dance-rock

Dopo i fasti critici di “Thirteen“ Robert Miles è pronto a sfornare una serie interminabile di remix e riletture del suo amato progetto per raccogliere successi anche fuori dai confini del rock-progressive.
Le prevedibili ma piacevoli intuizioni di “Thirteen” hanno sollevato polveroni di consensi e interviste a tutto tondo per quello che viene salutato come il genio della rinascita prog italiana, ma nonostante ripetuti tentativi non riesco ancora a modificare il mio tiepido giudizio sull’album, e purtroppo questo trittico di remix non aiuta nella rivalutazione dell’opera.
Elettronica da porn-movies senza erotismo, citazioni rock-pop scolastiche e accademiche, che fanno rimpiangere le clamorose stonature delle eccellenti Would Be Goods, effetti elettronici che trasformano la musica di Giorgio Moroder in avanguardia sperimentale, schitarrate e break ritmici continui non alleggeriscono la catarsi di “Antimony” e l’ipnotico remix di “Deep End” scivola senza trastullare.
Ora attendo la lista di lodi alla sua arte del remix e le grida verso la mia incompetenza critica, ma quello di cui sono sicuro è che Robert Miles sia solo un abile (e forse onesto) trasformista privo di una propria identità.
 

(19/07/2011)

  • Tracklist
  1. Deep End (Robert Miles Hypnotronic Remix)
  2. Black Rubber (Marco Bellini & Vai Weller Hypnovista Remix)
  3. Antimony (Max Pollyul Hypnotica Remix)
Robert Miles su OndaRock
Recensioni

ROBERT MILES

Thirteen

(2011 - Salt)
Dai successi euro-dance al progressive, il percorso di Robert Miles, ospite Robert Fripp

News
Robert Miles on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.