Choir Of Young Believers

Rhine Gold

2012 (Ghostly) | art-pop, synth-pop

Sfaccettato, esotico, trascendente e sintetico, questo disco della band che è promanazione del compositore greco-danese Jannis Noya Makrigiannis. Affascinanti drappeggi orientali si associano ad atmosfere kraute in pezzi come "The Wind Is Blowing Needles", nei quali la sua voce dal timbro rotondo e dall'espressività freddamente emotiva, da scuro autore new wave, sembra accompagnare danze aliene nei quali la melodia si fa nebulosa al di sopra del costante battito motorik di sottofondo, come a ricordare la sostanza meccanica e incomprensibile per definizione delle cose.

Indeterminata è la materia nella sua essenza microscopica e indeterminata è la musica dei Choir Of Young Believers, il che può essere un pregio o un difetto, a seconda delle circostanze. Glam-pop astrale in "Paint New Horrors", synth ruggenti in "Patricia's Thirts", ma l'obiettivo finale sembra solo, molto chiaramente, quello di una fredda eleganza.

(19/03/2012)

  • Tracklist
  1. The Third Time
  2. Patricia's Thirts
  3. Sedated
  4. Paralyze
  5. Have I Ever Truly Been Here
  6. Nye Nummer Et
  7. Paint New Horrors
  8. The Wind Is Blowing Needles
  9. Rhine Gold
Choir Of Young Believers su OndaRock
Recensioni

CHOIR OF YOUNG BELIEVERS

Grasque

(2016 - Ghostly)
Al terzo giro i danesi iniettano di elettronica il loro ambient-pop

Choir Of Young Believers on web