David Myhr

Soundshine

2012 (Lojinx) | pop-beat

Trasversale e gioioso, il power-pop resta una delle ancore più sicure per rilassarsi dalla coltre di sofferenza che sommerge la produzione odierna, unico esempio di musica che ormai appartiene tanto alla tradizione americana qaunto a quella inglese.
Dopo l'esperienza con i Merrymakers, lo svedese David Myhr con il suo "Soundshine" realizza un  interessante progetto di puro power-pop. L'evidente padronanza degli elementi armonici e ritmici dona sfumature di colore sempre variegate, nonostante l'esigua sequenza di accordi in chiave maggiore e le ordinarie sonorità delle chitarre. David Myhr preferisce definire la sua musica pop senza tempo piuttosto che datata, e nonostante gli echi di Beach Boys e McCartney tutte le dodici canzoni possiedono una struttura raffinata e ricca di piacevoli intuizioni.

È lo stesso percorso che ha caratterizzato alcuni album di Elvis Costello, Matthew Sweet, dei Jayhawks o degli Xtc: tutto è amabilmente contagioso e trascinante, come ogni buon album pop che si rispetti.
Senza alcun dubbio "Never Mine" è il vero punto di forza, grazie a una melodia irresistibile in equilibrio tra accordi di piano, chitarre in secondo piano (nonostante il rituale assolo nel bridge) e una perfezione ritmica che farebbe morire d'invidia Todd Rundgren.
Sfido chiunque, ad ogni modo, a trovare lacune o difetti evidenti in "Soundshine" (a meno che il difetto non sia il genere stesso, che può essere poco gradito a prescindere).

Da sottolineare l'eccellente performance creativa del batterista Andreas Dahlbach che, memore della lezione del grande Phil Spector, sviluppa un muro ritmico dalla complessa struttura e dall'immediata efficacia, facendo brillare le melodie di "Don't Say No" e "Got You Where You Wanted", capaci di corrompere anche i duri di cuore e... ehm, di orecchie.

La voce di David Myhr non perde mai smalto o ironia, la band swinga che è un piacere, gli arrangiamenti sono ricchi ma suonano naturali in un vortice armonico power pop di buona fattura. Anche le influenze sono trasversali: si va dal musicista americano Ben Folds in "I Love The Feeling" e nella già citata "Never Mine", agli australiani Go-Betweens o all'indie-pop in "Looking For A Life".
Resta prevalente l'impronta british: "Cut The Chase" ha la leggerezza di Badly Drawn Boy, "Loveblind" è ingenua e amabilmente stupida come i Middle Of The Road, "Icy Tracks" sfiora la psichedelia con lo stesso garbo che accompagna tutte le canzoni.
È dunque inevitabile che nell'unico passaggio più barocco, "The One", la lista di citazioni sia tanto lunga quanto inutile (tutte derivazioni di "Eleanor Rigby" dei Beatles) o che la conclusiva "Ride Along" sfidi i confini della pop song con ritmi e strumenti a fiato che conducono la canzone verso un trionfale finale all'insegna dello humour.
 
"Soundshine" è un album di power-pop che resta ambizioso e creativo senza cercare un forzato dialogo con il mondo rock e indie. L'ottima caratura delle canzoni e la freschezza degli arrangiamenti non lasciano alcun dubbio: questo è uno dei pochi album da portare con sé in una prossima vacanza estiva.



Icy Tracks

(30/05/2012)

  • Tracklist
  1. Never Mine
  2. Looking For a Life
  3. Got You Where He Wanted
  4. I Love the Feeling
  5. Get It Right
  6. Cut to the Chase
  7. Don't Say No
  8. Loveblind
  9. The One
  10. Wanderlust
  11. Icy Tracks
  12. Ride Along
David Myhr on web