Deux

Golden Dreams Ep

2012 (Minimal Wave) | synth-wave

Gérard Pelletier (scomparso il primo gennaio di quest’anno) e Cati Tête si incontrano a Lione nel 1981 e danno immediatamente vita al progetto denominato “Deux”. Dopo alcuni concerti in giro per la Francia, compaiono due 7”, “Felicita” e “Europe”, usciti rispettivamente nel 1983 e nel 1985 per la André Records, e un 12” pubblicato nel 1992 dalla Bpm Music. Da allora, più nulla sino al 2010, anno in cui la giovane etichetta statunitense dal nome ultra-programmatico Minimal Wave licenzia un'antologia di brani conosciuti e di qualche inedito del duo, intitolata “Decadence”.
L’etichetta in questione è totalmente dedita alla stampa di materiale non ancora pubblicato, proveniente dalla scena synth-pop europea degli anni 80 (In Aeternam Vale, Das Ding, Futurisk, Ensemble Pittoresque e Autumn sono i nomi di punta del suo catalogo), ragion per cui non tarda ad arrivare il bis anche per i Deux.

“Golden Dreams” va infatti ad aggiungersi a una caterva di gioiellini in giacenza ai quali, negli ultimi cinque anni, è stata levata la polvere e ridata nuova vita per assecondare uno dei trend del mercato musicale, recentemente votato all’estetica del suono ipnagogico (David Keenan docet).
L’innegabile fascino italo-disco della title track, con quella linea di basso sintetico che sarebbe poi stata campionata e riproposta in un buon 60% della discografia dance dei primi anni 90,
è accompagnato da un melange vellutato di synth e voci (in cui spiccano le tonalità quasi adolescenziali di Cati).

“Lassitude” accarezza le sonorità più vicine ai Depeche Mode di “Speak & Spell”, con il dovuto distinguo del cantato, rigorosamente in francese, mentre “Everybody’s Night” alterna strofe avvolgenti, vagamente jazzy, a un ritornello synthwave da manuale, freddo e ipnotizzante.
Il sostrato pop, altrettanto algido e ben confezionato, di “Fam Fam” chiude la tracklist di questa ennesima operazione di recupero di “pezzi d’epoca”, più attuali che mai.

(14/01/2013)

  • Tracklist
  1. Golden Dreams
  2. Lassitude
  3. Everybody's Night
  4. Fam Fam
su OndaRock