Mohn

Mohn

2012 (Kompakt) | elettronica

Wolfgang Voigt e Jörg Burger non sono nomi che necessitano particolari introduzioni per i cultori della materia techno, avendo scritto tra le pagine più entusiasmanti di quella codificata dai più come ambient-dub, dai tratti particolarmente scuri e caliginosi, culminate con la fondamentale saga di Voigt a nome Gas, che rimane ancora oggi la pietra miliare indiscussa del (sotto)genere.
"Mohn" è il secondo incontro tra le due vecchie volpi della techno ambientale, a quasi quindici anni dallo splendido "Las Vegas", riconfermando in sostanza quanto già sapevamo sui due e arricchendo tuttavia la ricetta tradizionale con altre idee, eccitanti anche quando non nuovissime.

Come ogni buona produzione teutonica che si rispetti, "Mohn" ha una scorza dura e alquanto introversa: "Einrauschen" accoglie con un drone freddo e incolore, denso di screziature glitch, mentre "Schwarzer Schwan" batte torbido e secco un beat condito appena con riverberi e cori tenebrosi mandati in loop. "Ambientôt” apre finalmente a un po' di luce, indicando in alto alcune soffici nuvole post-rock e una cadenza quasi downtempo che scandisce l'unico ritmo propriamente detto del disco. Segue una manciata di numeri d'alta classe che solo maestri di prim'ordine potevano forgiare: dall'elettronica old schood di "Saturn" alla la fitta perturbazione di "Das Feld", degna del miglior Gas, fino alla rinfrescante pioggia sintetica di "Ebertplatz 2020" e l'estasi totale di "Wiegenlied".

Voigt e Burger giocano di fino, reggono "Mohn" su quel perfetto equilibrio tra rimandi e citazioni e lampi innovativi, dosano al meglio le loro possibilità senza strafare né limitarsi al minimo sindacale - che pure accetteremmo di buon grado. Niente di particolarmente rivoluzionario, si potrebbe concludere: vero, "Mohn" è in definitiva "soltanto" un puro trastullo di inutile e arcana goduria uditiva.

(21/06/2012)

  • Tracklist
  1. Einrauschen
  2. Schwarzer Schwan
  3. Ambientôt
  4. Saturn
  5. Seqtor 88
  6. Das Feld
  7. Ebertplatz 2020
  8. Mohn
  9. Wiegenlied
Mohn on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.