Parallel 41

Parallel 41

2012 (Baskaru) | avantgarde, modern classical

Il quarantunesimo parallelo a nord dell'Equatore disegna una linea immaginaria che collega mari, isole, laghi, oceani e catene montuose tra i più impressionanti del mondo. Il Bosforo, il deserto californiano, Salamanca e la Reggia di Caserta, tra gli altri, sono inclusi nel suo arco. Nulla, ovviamente, aldilà di questa pura convenzione geografica, accomuna i tanti luoghi attraversati, nonostante la tentazione di escogitare congetture su una qualche unione spirituale tra le regioni interessate alletti e non poco. Julia Kent e Barbara de Dominicis per lo meno ci credono, e proprio su quest'idea realizzano il loro primo progetto in tandem.
Di base a New York City la prima (qualcuno forse la ricorderà al fianco di Antony & The Johnsons), partenopea la seconda, le due hanno una filosofia artistica incredibilmente vicina, pur arrivando da due background ben distinti. Dal 2009, quindi, un intenso tour con i visual di Davide Lonardi, votato all'improvvisazione e allo studio del rapporto tra musica e luoghi, e ora finalmente l'album, registrato interamente dal vivo, riutilizzando il materiale catturato sul campo durante i loro viaggi.

Barbara De Dominicis è protagonista della romantica e spoglia apertura di "Illusory Rendez-vous", con i suoni e i rumori del porto ad evocare le impressioni della partenza e il violoncello della Kent a dipingere i colori delle prime luci dell'alba. L'elemento suggestivo è forte, ma è "Naked City" la vera chicca della raccolta per liricità e fascino, vista aerea sulla metropoli assopita, trascinata dai tocchi riverberati della musicista newyorkese e dai versi della De Dominicis che si accartocciano languidi sull'incedere finale di delay ed effetti elettronici.

Il resto dell'album si fa notare ancora per il magistrale looping in tempo reale della Kent (disturbante su "Une journée d'un sud sans soleil") e continua a destare interesse per il dialogo tra componente improvvisata, scrittura e ambiente circostante (una fabbrica, un tunnel dismesso, una fortezza), ma riesce a coinvolgere l'ascoltatore a un livello puramente empatico o emotivo soltanto sporadicamente.

Il primo incontro delle due artiste allineate sul parallelo è quindi un esperimento più che riuscito e di spessore, per quanto ancora imperfetto sul piano comunicativo laddove Kent e De Dominicis sono costrette a passare il testimone alla solo veicolo musicale.
In allegato al cd, il Dvd dell'esperienza live, curato da Davide Lonardi.

(10/08/2012)

  • Tracklist
  1. Illusory Rendez-vous
  2. 2 Jet-Legs
  3. The Naked City
  4. Eyes Of Eyes
  5. Une journée d'un sud sans soleil
  6. Call Him Now
  7. Herald Street
  8. Out Of Season
  9. Voiceless Laughter (bonus track)
Parallel 41 on web