Umberto

Night Has a Thousand Screams

2012 (Rock Action Records) | dark ambient, prog, soundtrack

Dopo aver percorso alcuni sentieri del tutto differenti dal proprio radicato background, Matt Hill ritorna a quelle colonne sonore per film d'orrore mai nati che già avevamo conosciuto nei suoi primi due lavori.
Gli ultimi intercorsi di “Welcome to The Chillzone” sviluppatosi su territori synth-ambient e “Final Exit”, più ascrivibile al dark-ambient isolazionista, l’avevano allontanato dalle atmosfere più sanguigne dell’ultimo Lp per Not Not Fun “Prophecy Of The Black Widow”.


“Night Has A Thousand Screams” riprende proprio da quel sentiero lasciato nel 2010 e ci riporta tra le mani gli incubi urbani e i disgustosi splendori di vite straziate e massacrate a suon di accetta, coltelli, ferraglia e paranoie, un orizzonte denso e purpureo in perenne tensione di morte.
Utilizzato in parte come sonorizzazione della celebre pellicola “Pieces” al Glasgow Music and Film Festival di quest’anno, il disco si muove come i precedenti attraverso un cut-up dei gloriosi corpi putrefatti di Claudio Simonetti, Fabio Frizzi e dei climax emotivi sintetici cari al primo Carpenter, quello di “Halloween” e “Fog” (1978 e 1980 rispettivamente).

Queste influenze stilistiche, sebbene evidenti e organiche nell’operato del musicista di Kansas City, sono portate a un lavoro maggiormente personale in questo ultimo disco.


I synth agorafobici in “The Dance Studio”, il gracchiare acido della opener “Boston, 1942”, oppressiva nel suo grezzo incedere omicida, le partiture classicamente dark-ambient di “The Locker Room” & “The Waterbed” rovesciati dentro ritmi muscolari e climax improvvisi di stampo dark-prog, sono tutti elementi propri di uno stile in via di sviluppo.

Pur mantenendo una cifra, diciamo, nostalgica riesce a cucire e intramare subdoli orgasmi neri nelle nostre menti vittime.
 Rimaniamo in attesa del suo album “veramente” personale e intanto godiamoci questi piccoli deliziosi, per quanto terrificanti, gioielli.

(07/01/2013)

  • Tracklist
  1. Boston, 1942         
  2. Opening Titles         
  3. The Puzzle         
  4. The Investigation         
  5. The Pool         
  6. The Dance Studio         
  7. The Waterbed         
  8. The Locker Room         
  9. Paralyzed         
  10. End Credits
Umberto su OndaRock
Recensioni

UMBERTO

Final Exit

(2012 - Black Moss)
Un misterioso combo gothic americano alle prese con un singolare e macabro 12''

Umberto on web