Zulus

Zulus

2012 (Aagoo / Goodfellas) | gothic post-hardcore

Ecco una succosa produzione che tutti gli amanti del gothic e del post-hardcore dovrebbero ascoltare con interesse. A catturare l'attenzione sono infatti gli statunitensi Zulus, combo proveniente da Brooklyn e che sembra rappresentare al meglio il lato più oscuro, deviato e perverso della Grande Mela.
Questi musicisti, al cui interno militano Daniel Martens e Alexsander Prechtl, già nei Prsms e Battleship, atttraversano le più torbide strade newyorkesi con un sound claustrofobico, percussivo e molto diretto.

I brani di questo album d'esordio hanno tutti un bassissimo minutaggio e sono caratterizzati da chitarre taglienti, ritmiche ripetitive e un cantato così inquieto che sembra ormai prossima una crisi di nervi. La scuola è quella di culto fine Novanta/primi Duemila di fenomenali band quali Vss e Antioch Arrow, per non parlare addirittura di tutte quelle formazioni che hanno ruotato intorno all'etichetta Gsl. C'è un qualcosa di malato e perverso nella musica degli Zulus, sensazioni ben evidenziate in "Kisses", traccia più lunga del cd e che si rivela come una ballata seduttiva quanto minacciosa.

Differente quanto riuscita produzione per la Aagoo, solitamente dedita a pubblicazioni di natura indie folk con venature psichedeliche.

(12/09/2012)

  • Tracklist
  1. By Night And Spear
  2. Surgery
  3. To Die
  4. Kisses
  5. Vibrations
  6. Blackout
  7. Tremolo
  8. Death In The Current
su OndaRock
Zulus on web