Arm On Stage

Aldrin

2013 (AMS) | alt-rock

Gli Arm On Stage sono un quartetto dalle grandi potenzialità, che sancì il proprio esordio nel 2010 con “Sunglasses Under All Stars”, un lavoro decisamente improntato sull’improvvisazione musicale, che destò un certo interesse fra gli addetti ai lavori.
Per il secondo album si sono ritirati in un casolare tra i colli sperduti ed evocativi della provincia di Savona per improvvisare e liberare idee. Rientrati a Milano, hanno organizzato il materiale  in forme compiute e le hanno fissate in dieci tracce (più un’atmosferica bonus track) registrate in presa diretta presso le Officine Meccaniche di Mauro Pagani con la produzione artistica di Paolo Benvegnù (che ha aggiunto anche cori e chitarre) e Michele Pazzaglia.

Il risultato è un album di rock compatto, denso di melodie accattivanti, a tratti malinconiche ed eteree, arricchito da inserti di elettronica, fiati ed archi, interamente cantato in inglese.
Il riferimento del titolo è per l’astronauta Buzz Aldrin, il secondo uomo a scendere sulla Luna, successivamente caduto in depressione, perso sul pianeta Terra dopo aver goduto della meravigliosa desolazione di un viaggio nell’universo.

Proprio come nel percorso di Aldrin, gli Arm On Stage miscelano forza e fragilità, alternando momenti vibranti (“Money & Puttane”) con altri più intensamente spirituali ed a tratti onirici (“The Second Man On The Moon”, “Crystal”), puntando molto sulle rotondità di “That Old Velvet Curtain” e “April Song”, le due belle song che aprono i giochi.
Dal punto di vista strettamente musicale, gli Arm On Stage possono ricordare degli Arctic Monkeys meno scontati (“The Master”) incrociati con certe vibrazioni (e certi arpeggi di chitarra acustica) molto Radiohead, ed arricchiti da pezzi come “Alive” e "Lally The Clown", che non sfigurerebbero nei migliori dischi degli Stereophonics.

“Aldrin” ha preso forma grazie a un’operazione di crowdfunding, e ora si punterà a farlo conoscere anche oltre i nostri confini, affidandosi a canali distributivi internazionali.

(09/12/2013)

  • Tracklist
  1. That Old Velvet Curtain
  2. April Song
  3. Alive
  4. Sunday’s Over
  5. The Second Man On The Moon
  6. Lally The Clown
  7. Money & Puttane
  8. Crystal
  9. The Master
  10. Neighbor’s Nightmare
  11. That Magnificent Desolation
  12. Strong Enough (bonus track)


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.