Black Boned Angel

The End

2013 (Handmade Birds) | drone doom-metal

L’esperienza di Campbell Kneale con il marchio Black Boned Angel è finita. Lo testimoniano le tre tracce di “The End”, perfettamente allineate al suono drone doom-metal che ha rappresentato l’essenza di un'esperienza decennale.

Nessun prigioniero, deve essersi ripetuto, durante le registrazioni, Kneale, che affida l’apertura a poco più di venti minuti in cui la musica tuona e rimbomba minacciosa, arroventandosi secondo dopo secondo fino a spegnersi. “Part 2” si apre e si chiude, invece, con sonorità relativamente pacate: dapprima, infatti, ascoltiamo un coro ultraterreno di anime in pena, un’ouverture che serve a preparare il terreno per l’ennesimo tour de force sfiancante fatto di sciami di distorsioni, batteria colossale e rintocchi ipnotici sullo sfondo; in coda, invece, assistiamo alla lenta desertificazione del campo di battaglia, con echi lontani che, poco alla volta, si smarriscono nel silenzio. Un numero piuttosto interessante, che si discosta dalla solita ripetizione di cliché che si ascoltano nella stragrande maggioranza dei dischi del settore e alla cui fonte, va detto con più di un rimpianto, si abbevera anche l’ultimo movimento, chiudendo l’esperienza di quest’act neozelandese senza grossi clamori.

(06/09/2013)

  • Tracklist
  1. Part 1
  2. Part 2
  3. Part 3
Black Boned Angel su OndaRock
Recensioni

BLACK BONED ANGEL

The Witch Must Be Killed

(2010 - Conspiracy)
Zero fantasia nel nuovo lavoro di Campbell Kneale

BLACK BONED ANGEL

Verdun

(2009 - Riot Season)
Echi della sanguinosa battaglia nel quarto lavoro del progetto di Campbell Kneale

Black Boned Angel on web