German Army

German Army

2013 (Skrot-Up) | post-avantgarde-pop

Ormai è ufficiale: esiste un’oscura scena sintetica/malata nel continente nordamericano, e in particolar modo nella costa che si affaccia sull’Oceano Pacifico. Qualche avvisaglia di questa nuova stranezza si era percepita attraverso la compilation “Volume 2: The Bay Area”. Non presenti in questa release, i German Army – un duo proveniente da Los Angeles – si sono fatti letteralmente le ossa negli ultimi due anni, pubblicando - per svariate etichette mondiali, tra le quali la Night People è sugli scudi - numerosi lavori, e quasi tutti in audiocassetta.
Questo vinile della danese Skrot-Up è una raccolta, e racchiude (probabilmente) i migliori brani estrapolati fra tutte le varie uscite, nonché la perversa e glaciale essenza del duo americano. Per la cronaca, e mentre vi sto scrivendo, si possono trovare in commercio ulteriori lavori: “Holland Village”, “Former Prison” e “Burushaski”.

Sei magnifiche tracce in cui si respira un’aria gelida e malsana. Aspetta, aspetta: che cosa? Gelide sensazioni di malessere interiore? Non erano due delle tante caratteristiche della coldwave francese? Certo, e infatti i German Army non fanno altro che riprendere - in chiave più moderna - quel fantastico palcoscenico europeo anni Ottanta, orientandosi verso territori e sonorità prossime al synth-noise o industrial in alcuni casi.
Un rumore lento, incessante e perforante, sembra ricordare l’acido brano “Ha” degli australiani HTRK (“Guinea Strong Arm”), mentre una voce robotizzata, contornata da flashback elettronici, cerca di perforare la scatola cranica dall’interno: una specie di lobotomia negativa. C’è il tribalismo meccanico/pneumatico dei 23 Skidoo (“Ox Cart”, “Saxon Skull”), c'è martellamento acustico/erosivo, distorsione, e tanta schizofrenia abrasiva che era spesso di casa presso i Cabaret Voltaire, prima che virassero in quella fase – pur sempre valida – danzereccia.

Gli influssi dark-ambient da impianto petrolchimico e i battiti metallici industrial da officina meccanica di “Pulling Lashes” si combinano al meglio fra loro creando inconsapevolmente quella che si potrebbe definire un’industrial-ballad. Con “Translate Person” si scende sotto la temperatura dello zero assoluto, per poi risalire repentinamente in un continuo alternarsi sinusoidale: è come se fossero riusciti a rilevare e amplificare le frequenze sonore derivate dalla forte dilatazione termica degli eccitati atomi di una qualsiasi lega d’acciaio inossidabile.
C’è un famoso motto – coniato da un’etichetta svedese - che gira ormai da un anno per il web, e che si addice perfettamente all’anima dei German Army: “Post Avantgarde Pop For A Pre-Apocalyptic World”. Non è un caso che la Beläten – una di quelle tante etichette di cui sopra - li abbia assorbiti all’interno del proprio roster, rilasciando una gustosissima cassettina ultra limitata.

(10/07/2013)

  • Tracklist
1.       Guinea Strong Arm
2.       Folded Skin
3.       Ox Cart
4.       Pulling Lashes
5.       Translate Person
6.       Saxon Skull




German Army su OndaRock
Recensioni

GERMAN ARMY

Animals Remember Human

(2020 - ArteTetra/ Crash Symbols)
Il fecondo duo californiano alle prese con un’ode ethno-industrial all’estinzione

GERMAN ARMY

Millerite Masai

(2014 - Yerevan Tapes)
Il prolifico duo di elettronica sperimentale pubblica un nuovo lavoro su Yerevan Tapes

German Army on web