Lust For Youth

Perfect View

2013 (Sacred Bones) | space, synth-wave

Ritorna Hannes Norrvide, un anno dopo quel passo falso, “Growing Seeds”, che ci aveva lasciato abbastanza interdetti, e il discreto interludio di "Saluting Rome".
Questo nuovo lavoro, uscito per l'americana Sacred Bones, ci porta in una realtà sonora più chiara e strutturata rispetto alle ultime crude composizioni firmate dall'artista svedese. Disegnando fluide linee sintetiche dai contorni bluastri e malinconici, i nuovi brani sviano spesso tra ritmiche dancey dalla diretta pulsione muscolare e confessioni intimiste, sepolte e messe in secondo piano rispetto a una parte strumentale che ha preso sempre maggiore rilievo.

È questo il caso del duo di apertura: “I Found Love” e “Breaking Silence”, in cui la voce di Hannes è percettibile in maniera confusa, sommessa rispetto a ipnotici effetti eco o agrodolci melodie di rassegnazione. Una voce sotterranea che scompare in gran parte nel corpo centrale dell'opera, in cui vediamo un nuovo abito dell'artista: un passaggio dal retroterra più legato alla wave sintetica e minimale, talvolta sporca e industriale, verso un'elettronica aperta, vicina al gusto dei Trust come degli ultimi Vår (in cui troviamo anche Loke Rahbek, che accompagna in sede live il nostro Hannes).
“Another View” e “Barcelona” sono momenti di apertura mentale, il dischiudersi di un orizzonte solare e psichedelico prima sconosciuto, che, tracciato da synth space e ripetitivi, trova finalmente espressione piena.

“End”, posizionata come spartiacque del disco, rappresenterebbe il completamento di questa mutazione stilistica, introducendo così “Perfect View”, dai toni decisamente rave e dai colori acidi e psicotici, e la magia onirico-geometrica di “Kirsten”, tra architetture claustrofobiche e macchie di Rorschach.
Il discorso viene infine concluso nella sintesi di “Vibrant Brother”, in cui la gelida meccanica synth-wave si liquefà nelle trame rarefatte di un'elettronica soffusa e fragile, dando vita a un golem affascinante e notturno.

Una scultura che racchiude un'ombra pensante, malinconica e inintellegibile, che ben riassume il nuovo capitolo del percorso di Hannes. Un tragitto che lo vede afferrare una forma mentis nuova e al tempo stesso capace di assimilare i caratteri fondanti della sua natura decadente e chiaroscurale.

(05/07/2013)

  • Tracklist
  1. Found Love         
  2. Breaking Silence         
  3. Another Day         
  4. Barcelona         
  5. End         
  6. Perfect View         
  7. Vibrant Brother         
  8. Kirsten         
  9. Image
Lust For Youth su OndaRock
Recensioni

LUST FOR YOUTH

Lust For Youth

(2019 - Sacred Bones)
Il ritorno dei danesi per un disco estivo che guarda ai New Order più spensierati

LUST FOR YOUTH

Growing Seeds

(2012 - Avant!)
Dopo l'abbandono della parte femminile, il progetto svedese si vede focalizzarsi su spettri wave dilatati ..

LUST FOR YOUTH

Saluting Rome

(2012 - Avant!)
Un disco di isolazionismo sintetico dal progetto di Hannes Norrvde

LUST FOR YOUTH

Solar Flare

(2011 - Avant! Records)
Un nuovo ricamo noir e industriale, intriso di bassa fedeltà

News
Lust For Youth on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.