Field Report

Marigolden

2014 (Partisan) | soft-americana, alt-folk

Punta tutto sull’interpretazione e sull’"emozione", il secondo disco della band di Chris Porterfield, fuoriuscito della band di Bon Iver e suo meno ispirato emulo, comunque la si voglia pensare sulla seconda parte di carriera del Sommo Barbuto.
“Marigolden” raccoglie ancora, a partire dall’iniziale “Decision Day”, il pensiero debole di una scrittura derivativa (lo Springsteen depresso di “Pale Rider”), con canzoni arrangiate con un prevedibile, spoglio minimalismo, tra soluzioni tradizionali (l’immancabile slide) e più vezzose (percussioni, vaghi spunti elettronici).

Porterfield si difende comunque molto bene soprattutto sul piano dell’esecuzione, con ballate arrangiate con gusto retrò come “Summons” (un Phosphorescent negli anni 80) e più spiazzanti digressioni radiofoniche (“Home (Leave The Lights On)”) ed elettroniche (“Wings”).
Una certa vena da stazione alt-country notturna percorre in effetti “Marigolden”, nel bene e nel male, intrappolandolo nella scenografia posticcia di un viaggio alla deriva su un vecchio macchinone spedito a tutta velocità nel deserto.

Diventa così inevitabile anche la torch song al pianoforte di “Ambrosia”, e alla fine risalta ancora di più la natura “sentita” del disco, che si riflette tanto nell’ingenuità della sostanza quanto nell’elaborazione successiva del suo immaginario di suggestioni.

(13/11/2014)

  • Tracklist
  1. Decision Day
  2. Home (Leave The Lights On)
  3. Pale Rider
  4. Cups And Cups
  5. Ambrosia
  6. Wings
  7. Marigolden
  8. Michelle
  9. Summons
  10. Enchantment
Field Report su OndaRock
Recensioni

FIELD REPORT

Field Report

(2012 - Partisan)
Un altro ex-membro dei DeYarmond Edison di Justin Vernon esce dall'anonimato

Field Report on web