Tony Molina

Dissed And Dismissed

2014 (Slumberland Records) | power-pop, 90s indie-rock

La definizione perfetta dell’idea di musica di Tony Molina l’ha trovata il magazine Razorcake, parlando dei suoi Ovens: “I-want-to-kill-myself-and-shred-righteously-over-ignorant-riffs-and-Beatles-pop-perfection-songs”. Ormai veterano della scena hardcore di San Francisco, Molina ha militato in un’infinità di progetti della Bay Area come cantante e chitarrista e, di concetti come coolness o hype, vivaddio, non sa proprio che farsene: non è raro sentirlo citare i Weezer come influenza fondamentale, non solo per classici come il debutto omonimo e “Pinkerton”, ma pure per il “Green Album” o “Maladroit” (“they got tracks, man”).

Uscito a inizio 2013 per la Melters di San Francisco, il suo esordio solista viene ora ristampato da Slumberland per la gioia di chiunque porti nel cuore l’attitudine slacker di tanto indie-rock anni 90, ma non solo.
Certo, in “Dissed And Dismissed” si trovano le melodie power-pop del primo Rivers Cuomo, il songwriting in miniatura di Robert Pollard e il noise di J Mascis, ma altrettanto fondamentali sono gli assolo armonizzati alla Thin Lizzy e i riff di matrice heavy. Non è un caso che nel riuscito “Six Tracks Ep” (da recuperare almeno per la strepitosa “Breakin’ Up”), uscito sempre lo scorso anno per Matador, abbia trovato posto una cover dello strumentale “Orion” dei Metallica.

Dodici brani di durata compresa tra i venticinque e i novanta secondi, piccole gemme che non sprecano un solo istante e suonano come hit perdute di una dimensione parallela, a partire dalla “Nowhere To Go” d’apertura fino a una “Walk Away” solare e pensierosa come solo certe cose dei Dinosaur Jr. di “Beyond”.
Nel mezzo, la gloriosa malinconia Teenage Fanclub di “Can’t Believe”, le tirate noise-pop “Change My Ways” e “Don’t Come Back” (puro Yo La Tengo), un paio di pause acustiche (“Sick Ass Riff” e la fedelissima rilettura di “Wondering Boy Poet” dei Guided By Voices) e un’infilata di progressioni melodiche micidiali (“Tear Me Down”, “See Me Through”, “The Way Things Are”).
Disco semplice, emozionante, bellissimo.

(30/04/2014)

  • Tracklist
  1. Nowhere To Go
  2. Change My Ways
  3. Can't Believe
  4. Tear Me Down
  5. Nothing I Can Do
  6. Sick Ass Riff
  7. See Me Through
  8. Don't Come Back
  9. Spoke Too Soon
  10. The Way Things Are
  11. W.B.P.
  12. Walk Away
Tony Molina su OndaRock
Recensioni

TONY MOLINA

Kill The Lights

(2018 - Slumberland Records LLC)
Più che un disco, un polveroso e malinconico vecchio album di fotografie

Tony Molina on web