Leptons

Between Myth And Absence

2015 (Dodicilune Records) | progressive rock, art-rock

I Leptons sono la nuova creatura musicale di Lorenzo Monni, classe 1986, nato a Cagliari ma stabilitosi da tempo in Veneto: dopo quattordici anni di scrittura e tre album realizzati a nome proprio, pubblicati fra il 2007 e il 2010, “Between Myth And Absence” è il risultato del lavoro della sua nuova band, cesellato con attenzione e cura artigianale nel corso di questo decennio.

Tante le influenze riscontrabili, frutto degli ascolti formativi di Lorenzo, autore di tutti i brani inclusi, ma la direttrice principale è saldamente radicata nei meandri di un moderno progressive rock, pronto a mitigare reminescenze dei Genesisgabrieliani” ("The King Inside Of Me” ne è uno degli esempi più illuminati) teletrasportandole nella contemporaneità del nuovo millennio.

Non mancano riferimenti alla Scuola di Canterbury, forti ascendenze bucoliche, carinerie acustiche e persino qualche vaga deriva new wave e pseudo-jazzy, in una scaletta nella quale brani ben strutturati si alternano a concisi intermezzi strumentali, i sei atti di “Absence”, posizionati come a suddividere l’intero disco in parti.
“Between Myth And Absence” è un’opera (sì, viene proprio voglia di chiamarla così, come quegli indimenticabili concept degli anni 70) che si presenta compatta e ben suonata, quindici tracce che ci regalano il primo tassello di un percorso già ricco di aspettative.

(05/12/2015)

  • Tracklist
  1. Back to Oblivion
  2. Absence I
  3. Instrument Men
  4. Absence II
  5. The King Inside of Me..
  6. Absence III
  7. Beware
  8. In my Hutch
  9. Silent
  10. Absence IV
  11. Sharathon
  12. Absence V
  13. Mr Hurtsman
  14. Absence IV
  15. Leptons in Love
Leptons on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.