Paus

Clarao

2015 (El Segell del Primavera) | math-rock

Sponsorizzato dall’etichetta del Primavera Sound di Barcellona, uno dei più importanti festival indipendenti europei, arriva il secondo lavoro dei portoghesi PAUS.
Sono quattro ragazzi di Lisbona che coniugano ritmi selvaggi, a tratti ai confini con l’industrial, e influenze latine, centrifugando noise-rock, math-rock e istanze elettroniche, cercando di dare ordine e organizzazione al caos.

Il lavoro è quasi interamente strumentale, eccezion fatta per qualche grido selvaggio disseminato lungo il cammino, e si basa molto sul ritmo, tanto che il set up cattura l’occhio per la presenza di due batterie legate fra loro, in quello che viene definito siamese kit.
Il risultato è una sorta di techno-rock attraversato da importanti essenze funk e hardcore (“Pontimola” a tratti pare un prodotto partorito dalla scuderia Dischord), che colpisce pur tendendo a mostrarsi un tantino ripetitivo sulla lunga distanza.

Non mancano momenti più legati alla psichedelia (“Nò”) o trame paesaggistiche più rilassate (“Ambiente de trabalho”), anche se è quasi sempre il ritmo a prendere il centro della scena (“Primeira”).
A conti fatti, “Clarao” si pone come un progetto alla ricerca di un percorso world alternativo (“Cume” potrebbe costituirne il più fulgido esempio), dove sono gli accenti rock più che quelli etnici a caratterizzare l’insieme.

(19/03/2015)

  • Tracklist
  1. Corta vazas
  2. Pontimola
  3. Bandeira branca
  4. Ambiente de trabalho
  5. Primeira
  6. Cume
  7. Cauda turca
  8. Negro
  9. Clarao
Paus on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.