Siskiyou

Nervous

2015 (Constellation) | folk-pop

Al terzo appuntamento discografico dei canadesi Siskiyou appare sempre più evidente che Colin Huebert (ex-Great Lake Swimmers) si stia allontanando decisamente dal folk lo-fi che ha dato vita al progetto con i suoi nuovi compagni di cordata.
“Nervous” è uno strano ibrido linguistico che deluderà molto i vecchi fan, l’ombra degli Arcade Fire si allunga in modo pericoloso sulle più raffinate e complesse strutture compositive.
Dal tono naif del primo album dei Siskiyou si è velocemente passati a un sinistro e atmosferico mix di musica anni 80 e indie-rock, che cita in sequenza Shins, Pixies, Modest Mouse, Sunset Rubdown e Bauhaus.

Se impauriti o disgustati state per lasciare questa lettura, vi prego di attendere un solo istante, quello che da il via al tutto, ovvero l’iniziale “Deserter”: rullo di tamburi, coro dell’accademia musicale di St James, piano e organo in stile goth, giro di basso alla Cure, echi britpop-glam alla Pulp, coretto in stile indie-folk, stratificazioni elettroacusiche e refrain in sequenza che si intersecano col sax di Colin Stetson prima che un piacevole folk-rock metta ordine lirico per un pregevole finale.
Ecco la vera novità, i Siskiyou hanno appreso l’arte del songwriting, ora luci e ombre convivono in una scrittura più autorevole, che flirta con una varietà di suggestioni familiari, tra ballate leggermente dandy-dream-pop (“Bank Accounts And Dollar Bills -Give Peace A Chance-)“, sghembe citazioni country (“Oval Window”), indie-rock alla Arcade Fire (“Imbecile Thoughts“) e delicato chamber-pop (“Babylonian Proclivities”).

“Nervous” è un album dotato di un gradevole equilibrio sonoro, pop e rock convivono in una giostra elettroacustica sempre raffinata, grazie anche ad alcuni contributi importanti come quello di Owen Pallett e quello gia citato di Colin Stetson. Quest'ultimo offre una preziosa performance nella sognante “Violent Motion Pictures”: un variegato dream-pop che non sfigurerebbe nel repertorio dei Cockney Rebel o dei Suede.

Il terzo album dei Siskiyou è il più raffinato ed elaborato del gruppo canadese, un collage d’atmosfere oscure e luminose che tra riff accattivanti e intense prove vocali conserva un discreto fascino, che riesce a dar spessore anche alle ballad più indolenti e meste che occupano la seconda parte del disco. Un deciso passo avanti per i canadesi.

(02/02/2015)

  • Tracklist
  1. Deserter 
  2. Bank Accounts And Dollar Bills (Give Peace A Chance) 
  3. Wasted Genius 
  4. Violent Motion Pictures 
  5. Jesus In The 70's 
  6. Oval Window 
  7. Nervous 
  8. Imbecile Thoughts 
  9. Babylonian Proclivities 
  10. Falling Down The Stairs


Siskiyou su OndaRock
Recensioni

SISKIYOU

Not Somewhere

(2019 - Constellation)
Un ritorno alle origini per il musicista canadese

SISKIYOU

Keep Away The Dead

(2011 - Constellation)
Disco gelido e convenzionale per il progetto di metà dei Great Lake Swimmers, ancora su Constellation ..

SISKIYOU

Siskiyou

(2010 - Constellation)
La nuova vita, non soltanto artistica, dell'ex Great Lake Swimmers Colin Huebert

Siskiyou on web