Cesare Livrizzi

Milano non contiene amore

2016 (Orphans) | songwriter, indie-pop

Un disco scritto in punta di piedi, pensando le canzoni soltanto per chitarra e voce. Poi Marco Parente se ne è innamorato e ha deciso di produrlo e di metterci le batterie. Alessandro “Asso” Stefana ci ha aggiunto un po’ di chitarre. Roberto Dell’Era il basso e i controcanti in “Finito il male”, brano incentrato sul tema sempre attuale dell’eutanasia.
Alcune tracce dopo il trattamento sono rimaste abbastanza “nude” (“Due petali”, “Teresa e il mare”), altre si sono arricchite di suoni e colori, trasmutando l’iniziale delicatezza in accenti rock (la sostenuta title track) e blues (“In alto i medi”).

Ma le composizioni, dal punto di vista della scrittura, sono rimaste sempre saldamente al centro del progetto, ricercando il grande effetto attraverso i carichi emozionali (“Respira”, enfatizzata dal violino di Valeria Sturba) o il piglio dissacrante (“Single vista bagno”, “Con un bue in stomaco”).
Livrizzi ci aveva già provato cinque anni fa, con l’esordio “Dall’altra parte del cielo”, ma oggi tutto riesce molto meglio, e Cesare si guadagna un posticino all’interno di quel novero di giovani musicisti che aspirano a rinnovare la grande tradizione cantautorale italiana.

Gli amici hanno fatto tanto, contribuendo a riempire di tante cose “Milano non contiene amore”, ma parole e musiche son tutte sue, le coordinate di un viaggio che parte dalla Sicilia (la terra natia) e attraversa Bologna (la città degli anni giovanili) per approdare in quella Milano tanto algida in superficie (da qui il titolo del disco) quanto prodiga nell’offrire sprazzi di vita ai quali diventa difficile rinunciare.
Il Duomo resta dentro una campana di vetro, Livrizzi lo sfiora con un dito nell’immagine di copertina, tenta di afferrarlo, ma la sfuggente e affascinante Milano anche questa volta non si lascerà addomesticare troppo facilmente.

(15/11/2016)

  • Tracklist
  1. Due petali
  2. Milano non contiene amore
  3. Da tre mesi
  4. Finito il male
  5. Single vista bagno
  6. Il cambio
  7. In alto i medi
  8. Respira
  9. Con un bue in stomaco (Rumori di fame)
  10. Teresa e il mare
Cesare Livrizzi su OndaRock
Recensioni

CESARE LIVRIZZI

Storie

(2007 - Autoprodotto)
Le storie intime del cantautore bolognese

Cesare Livrizzi on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.