CFCF

On Vacation

2016 (International Feel) | chillout, lounge, ambient

Quando si parla di balearic sound abbiamo storicamente due filoni: il primo è destinato alla club culture, quello che fa muovere culi e tette nelle discoteche ibizenche fino alla mattina, e anche oltre; il secondo è quello chillout/lounge, l’ideale sottofondo non solo dei tramonti più rinomati della baia di San Antonio (Café del Mar e Mambo in primis) ma anche il suono che scandisce le assolate giornate a Sa Trinxa e nelle spiagge più frequentate dell’isola.
CFCF, nome dietro il quale si cela il producer canadese Michael Silver, si direziona verso il secondo filone, confermandosi raffinatissimo ricercatore di suoni e prezioso confezionatore di veri e propri must per gli aperitivi estivi più à-la page.

Languido e atmosferico, CFCF miscela aromi malinconici (“Arto”) e landscape new age (“In The Courtyard”), slanci verso la musica etnica (“Sate Padang”, la prima traccia, prende nome da un piatto indonesiano a base di spiedini di carne) e romantici omaggi alla ville lumière (“Fleurs laisses dans un taxi”).
Michael Silver gioca a stratificare strumenti su basi mandate in ripetizione (“Lighthouse On Chatham Sound”, “Vermont”), oppure lascia che chitarre acustiche e fisarmoniche prendano dolcemente il centro della scena (“Chasing”) senza mai provare ad alzare troppo i bpm, e quando le ritmiche si fanno lievemente più complesse (“Pleasure Centre”), tutto resta sempre molto (troppo?) discreto.

Siamo comunque al di sotto rispetto allo standard qualitativo delle migliori produzioni in tema, e “On Vacation”, che già dal titolo vuole far respirare relax e profumi vacanzieri, risulta un pochino anemico in termini sia di suoni (così patinati e iperprodotti da apparire a tratti finti) che di idee (sì, in fondo è tutto già sentito).
Senza voler far paragoni con i mostri sacri dei nostri tempi (Jamie XX ha molto da insegnare a tutti nel recentissimo passato) non saranno certo chitarrine riverberate e qualche suono ben digitalizzato a spostare in alto l’asticella della nuova musica elettronica.

Il dischetto risulta carino, senz’altro, ma anche assolutamente inoffensivo, di quelli che passano così, nel più pieno anonimato: programmatelo nei vostri sunset dj set e state pur tranquilli che nessuno verrà a chiedervi lumi sull’autore di queste tracce.
Giusto il tempo di bere un altro spritz, osservare il sole scomparire dietro la linea dell’orizzonte, e vi sarete completamente dimenticati di queste sinuose note. Next stop: Ushuaia.

(01/04/2016)

  • Tracklist
  1. Sate Padang
  2. Arto
  3. In The Courtyard
  4. Pleasure Centre
  5. Chasing
  6. Fleurs laisses dans un taxi
  7. Lighthouse On Chatham Sound
  8. Vermont
CFCF on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.