Jerry Paper

Toon Time Raw!

2016 (Bayonet) | sophisti-pop

Senza alcun dubbio la musica rock è in gran debito con il regno animale, senza “Albatross” dei Fleetwood Mac, “Free Bird” dei Lynyrd Skynyrd, “Fly Like An Eagle” di Steve Miller o “Coyote” di Joni Mitchell, la grande epopea musicale americana non avrebbe suggestionato allo stesso modo la nebulosa Europa.
Anche i Pink Floyd s’inchinarono al fascino animale dedicandogli un intero album, e neanche l’irriverente punk e la sua figlia new wave riuscirono a resistere al richiamo selvaggio, conciliando “Chicken Farm” (Dead Kennedys), “Monkey Gone To Heaven” (Pixies) e temperando in parte l’atmosfera con i Cure di “Lovecats”.

La sublimazione del rapporto tra rock e mondo animale appartiene comunque alla trota di “Trout Mask Replica” del capitano Beefheart, eccellente figura antropomorfa il cui alieno fascino ancora provoca discussioni e celebrazioni trionfalistiche, ed è a questo simbolismo arcaico che si annodano i protagonisti della nuova creatura discografica di Jerry Paper.
Conigli, pecore, gatti, mucche, orsi e papere sono i personaggi del fantasioso cartone animato virtuale di “Toon Time Raw!”, un ambizioso e coraggioso progetto del musicista americano Lucas Nathan.
Sfuggente e lussuoso, l’album è una raccolta di favole che non consiglio di leggere ai vostri figli per farli addormentare, un beffardo e colto campionario di canzoni jazz e pop dai contorni indefinibili, a volte surreali e graziose, spesso vicine alla grande tradizione delle colonne sonore di Walt Disney (“Gracie II”) riletta alla maniera di Hal Willner.

Vibrafono, flauto, clarinetto, violino e synth intercettano un consueto campionario di chitarre, pianoforti, bassi e strumenti a percussione, e un ricco parterre di strumenti a fiato che modella abiti jazz e be bop di pregevole fattura.
Nonsense e psichedelia avvinghiano le strutture liriche e armoniche, dando forma a moderne canzoni pop-jazz in bilico tra Steely Dan e Robert Wyatt (“Jumbo Ron “), spesso affini alle bizzarrie di Kevin Ayers (“Plans”).

La metamorfosi sonora è continua e inarrestabile, sorretta da un nugolo di musicisti allineati sotto l’anonimato di Easy Feelings Unlimited Band, più noti al pubblico come BadBadNotGood.
Il primigenio synth-pop dell’autore (che quasi abbandona il suo fedele Midi) è alla mercé della band nu-jazz, che sembra molto divertita nel mettere al servizio di Jerry Paper l’insana abilità con la quale è solita alternare il lirismo di Pat Metheny alle colte dissonanze di Frank Zappa.

Una solida scrittura e un gusto piacevolmente naif donano colori e sfumature alle 14 tracce, che abbattono i confini stilistici allineando ballate simil-acustiche infarcite di jazz e synth-pop (“Stargazers”) a trame folk-pop dalle languide sembianze canterburiane (la giocosa “Ginger & Ruth” e il fantasioso incastro ritmico di “Plans“), altresì limitando ornamenti e artifici e riducendo all’essenziale i raffinati arrangiamenti. “Toon Time Raw !” è un prezioso artefatto di sophisti-pop che omaggia Donald Fagen (“Zoom Out”) e Sufjan Stevens (“Stargazers”) e si trastulla con dissonanze strumentali e armonie sbilenche che trovano un fluire armonico grazioso (“Kill The Dream”) importunando uptempo in bilico tra swing e be bop con sonorità sbarazzine di synth (“Comma For Cow ”).

La parabola musicale di “Toon Time Raw !” è un festoso album più simile a un film di Walt Disney o a un sequel di Roger Rabbit: Jerry Paper non tralascia contaminazioni singolari.
Il surf in salsa psichedelica di “Jumbo Ron“, la delicata ballata pianistica da musical di “Benny Knows”, il blues mascherato da elettronica e jazz di “Hijinks Ensue”, le genuflessioni in chiave bossa nova di “Elastic Last Act” e le improvvisazioni di sax adagiate su briciole di swing-pop dell’ambiziosa “Shouldn't You Be Laughing?” sono tasselli di un puzzle creativo originale e stimolante, che Jerry Paper incornicia con un’ipotetica mini-suite che rimescola colori e suoni in un caleidoscopico finale (“Nirvana Mañana”) dove il regno animale diventa padrone della scena e libera la fantasia residua.

(29/09/2016)

  • Tracklist
  1. In The Puzzle Room
  2. Ginger & Ruth
  3. Zoom Out
  4. Kill The Dream
  5. Stargazers
  6. Benny Knows
  7. Gracie II
  8. Comma For Cow
  9. Elastic Last Act
  10. Hijinks Ensue
  11. Shouldn't You Be Laughing?
  12. Jumbo Ron
  13. Plans
  14. Nirvana Mañana


Jerry Paper on web