Rev Rev Rev

Des fleurs magiques bourdonnaient

2016 (Kinotone Records) | shoegaze, noise-rock

A due anni di distanza dall’apprezzatissimo omonimo debutto, tornano i Rev Rev Rev, quartetto modenese votato a un alternative-rock fortemente influenzato dalla scena nu-shoegaze.
Fra i fumi psichedelici dei Velvet Underground (“Nightwine”) e certi bagliori figli dei migliori My Bloody Valentine (“Travelling Westbound” è un piacevolissimo plagio), si staglia un’estetica decisamente radicale.

Dentro “Je est un autre” riecheggiano le guerre soniche degli A Place To Bury Strangers, in “Caffè” la voce rimane volutamente tenuta in secondo piano, soffocata da insormontabili muri di chitarre.
Nella seconda parte del disco, l’aggressività si mantiene su livelli costantemente elevati (“A Ring Without An End”), anzi, a tratti diviene ancor più minacciosa (“Blame”, con le linee vocali sempre confuse ad arte), trovando l’unico momento di calma fra le pieghe dream-pop della conclusiva “Aloft”.

In un turbinio di delay, riverberi e flanger, con gli amplificatori sempre sparati al massimo e le chitarre sovente in feedback, i Rev Rev Rev si confermano come uno dei migliori prodotti musicali da esportazione partoriti negli ultimi anni dalla nostra penisola.
Non a caso, iniziano a giungere attenzioni di un certo rilievo anche sulla stampa estera: un motivo di orgoglio per quattro ragazzi di provincia che portano avanti un discorso genuinamente (e rigorosamente) sonico, senza alcun timore REVerenziale.

(18/04/2016)

  • Tracklist
  1. Buzzing Flowers Ecstasy
  2. Nightwine
  3. Travelling Westbound
  4. We Can But Dream
  5. Caffè
  6. Je est un autre
  7. A Ring Without An End
  8. Ripples
  9. Playmouth Morning
  10. Blame
  11. Just A Spot
  12. Aloft
Rev Rev Rev on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.